in

28/6 130esimo Anniversario di “Torna a Surriento”, a Sorrento

Un grande evento in una località decisamente amata in tutto il mondo

In occasione del 130esimo anniversario della nascita della canzone “Torna a Surriento” del Maestro Ernesto De Curtis (1894), il Comune di Sorrento desidera omaggiare questa celebre canzone, che negli anni è stata reinterpretata dai più grandi tenori e pop star del mondo, uno tra tutti Luciano Pavarotti. 

 

L’evento si terrà il 28 Giugno alle ore 21.00, presso il Chiostro di San Francesco e prevede un concerto gratuito ed una performance di Painting T-Shirt sul tema “Torna a Surriento” ad opera di giovani artisti di arte contemporanea. 

 

A reinterpretare “Torna a Surriento” e altre celebri canzoni della cultura Sorrentina e Napoletana sarà il tenore Giuseppe Serra, prodigio della lirica italiana.  Ha solo 23 anni e si è esibito, oltre che in Itala, (Festival di Spoleto, Costa Smeralda, Milano etc ), in numerosi concerti in giro per l’Europa, o durante i suoi tanti tour in Germania con ben 5 date andate immediatamente sold out. Indimenticabile per questo artista è senz’altro l’aver aperto il concerto di Ricky Martin, o quello della magnifica Kalye Minogue, oltre a quello di Umberto Tozzi e tanti altri artisti illustri. Parigi lo ha ospitato per un evento alla Sorbona, come l’Hotel Ritz di Londra e il Charlton Hotel in Svizzera.

 

“Il 28 Giugno a Sorrento l’appuntamento è immancabile. L’omaggio a un brano così famoso in tutto il Mondo, che canta l’amore, le meraviglie di questo paese unico e il romanticismo dei suoi inimitabili scorci,  regalerà autentiche emozioni!”

Ecco come spiega Nello Simioli, organizzatore dell’evento ciò che prova. “Per me è un grande onore poter organizzare a Sorrento questo evento, avendo vissuto lontano per moltissimi anni. Mio Papà Franco Simioli è stato uno dei massimi esponenti dell’arte di fare Turismo in questo angolo di Paradiso, dirigendo prima l’Azienda di Soggiorno e Turismo e poi la Fondazione del Turismo di Sorrento. Mi sono ispirato a lui e il grande amore che aveva per la Penisola Sorrentina!”.

 

Non ci sarà solo musica a Sorrento per “Turna a Surriento” il 28 giugno 2024. Andrà in scena anche un evento di T Shirt Painting, l’arte di dipingere su t-Shirt.  Artisti di arte contemporanea, durante il concerto, dipingeranno soggetti iconici connessi al testo della canzone “Torna a Surriento”, omaggiandole al pubblico in sala…in un perfetto incontro tra tradizione e modernità.

 

La location che ospita l’eventp è unica: il Chiostro di San Francesco è una meravigliosa costruzione che fu ristrutturata dai padri francescani nel  XIV secolo. Accanto sorege anche la bellissima chiesa dedicata al Santo protettore d’Italia. Questo Chiostro, di struttura quadrangolare, caratterizzato da portici sui 4 lati e archi in tufo di stile arabeggiante, divenne punto focale delle attività sorrentine perché utilizzato, oltre per le pratiche religiose, anche come sede delle riunioni cittadine e dove era custodito il sigillo delle scritture comunali. Ebbene, proprio a testimoniare la volontà del Sindaco Massimo Coppola di mantenere inalterate le tradizioni, valorizzandone e amplificandone il messaggio culturale e sociale ancora oggi nel “Chiostro” si tengono concerti, mostre, vernissage e tanto altro.

Lorenzo Tiezzi

Scritto da Lorenzo Tiezzi

Ufficio stampa con la sua agenzia ltc - lorenzotiezzi.it -, Lorenzo Tiezzi è anche blogger e giornalista. Fiorentino, classe 1972, si è laureato al DAMS di Bologna nel 1996 in Musica con tanti esami in comunicazione e sociologia. Ha scritto o scrive su Rockol.it, Urban, Uomo Vogue, Max, GQ, Gazzetta.it, Soundscapes.it, Spettakolo, Bargiornale, L’Espresso, Fatto Quotidiano, Fashion Magazine, Rewriters, quotidiani del gruppo ePolis (...). Quando ha voglia di ballare e/o scrivere sta sul suo blog www.alladiscoteca.com. Per spegnere la mente invece corre. Capita spesso, infatti fa ultra trail, ovvero si fa oltre 100 km, magari in montagna. Quando parte, sua moglie e sua figlia spesso esultano. Eccome se esultano.

La nuova stagione del Teatro Vascello, il gioco della verità