in

Andrea Piovan: la ricerca del silenzio prima e dopo la parola

Al Vocal Care ® Summer Camp il doppiatore italiano terrà un importante workshop per gli artisti del futuro

img src="www.vanityclass.it/andreapiovan.png" alt="andrea piovan">

Andrea Piovan protagonista del Vocal Care ® Summer Camp

Il celebre doppiatore e narratore televisivo, sarà ospite del Vocal Care ® Summer Camp, una manifestazione di tre giorni (25-28 luglio) dedicati alla formazione artistica.

Organizzato nel favoloso Hotel Viest di Vicenza, l’evento si suddivide in masterclass, seminari, percorsi di preparazione, autorato, prove di repertorio e presenza scenica e live

“Il silenzio prima della parola”

Un workshop di circa quattro ore per conto del Vocal Care ®, il più importante istituto italiano di ricerca e training sulla voce.

A partire dalle ore 14:00 di oggi, con l’entusiastica partecipazione di circa 200 allievi, prettamente indirizzati fra canto e musical, vestirà le voci di docente. Il suo corso sarà all’insegna del valore del “silenzio prima della parola”. 

La tematica fondante è il concetto che,

“nelle comunicazioni, ci sono due zone silenziose, ovvero prima e dopo il verbo”
 

Attraverso l’osservazione profonda con occhi attenti e cuori curiosi questo aspetto, si va alla ricerca, nonché (ri)scoperta delle emozioni più intime e profonde, con se stessi, o, per meglio dire, con la natura di se stessi, e con gli altri. 

Osservazione e improvvisazione

Per iniziare, si procederà ad osservare gli allievi, assieme al modo in cui ognuno di loro percepisce e vive quel silenzio che si inserisce o (verosimilmente, in base alla singolarità caratteriale e del momento), in maniera opposta, s’insidia fra le parole. 

Prevista una prima prova di improvvisazione, durante la quale verrà chiesto ai presenti di pensare di “tornare” nella stanza dov’erano soliti stare da bambini. (La cameretta diventa perciò anche quella dei ricordi d’infanzia).

Ognuno dei presenti, idealmente, vi farà ritorno, a distanza di molto tempo, dopo l’esperienza di un lungo viaggio. In quel momento si troverà davanti ad una porta. Sarà esattamente quello il punto: come la apriranno? In che modalità varcheranno quella porta così ricolma di esperienze sì lontane, stavolta nel tempo?

Una volta entrati, si accorgeranno, abbandonandosi alla rievocazione, che la loro stanza è rimasta intatta. Ciascuno dei loro oggetti, giocattoli, monili, è rimasto esattamente al posto dove lo avevano lasciato.

Quel riportare alla memoria le immagini permette loro di fermarsi, (ri)vivere emozioni, prima che il presente torni. Solo in quel momento, tuttavia, potranno lasciare la stanza. 

Brevemente, si tratta di uno straordinario arricchimento personale, in giornata formativa estremamente improntata al ritrovamento e alla libertà emozionale

Una voce, una virtù, una carriera virtuosa

È una delle voci italiane più famose al mondo quella di Andrea Piovan: narratore di pluripremiate serie di documentari BBC e Mediaset (“Wild”, “Animali straordinari”) fra 2017 e 2018, ha doppiato molte pubblicità di marchi come Porsche, Q8, Bosch.

Ci ha permesso di “sentire” la recensione di un papà che comprava uno skateboard per il figlio, riscoprendo la gioia dell’essere bambini e poterla condividere con il ragazzino, nella campagna “Skateboard Skateboard Ridge” di Amazon (2017). 

Nella sua ricca carriera, è stato voce dell’irriverente “Chiambretti Night“, e, nondimeno, “Pianeta Mare“, Espn, Discovery Channel, CNN Italia, Cartoon Network, Boomerang.

Adorato dai bambini, ha prestato preziosa musicalità vocale all’iconico programma “Art Attack” con Giovanni Muciaccia, andato in onda fra Rai2 e Disney Channel

Analogamente, è la voce ufficiale di Rete 4 (Gruppo Mediaset), speaker corrispondente per RDS.

Ha recitato in fiction, serie tv, sit-com (“Camera Café“) e collaborato con “Striscia la Notizia“.

Il doppiatore parla e narra in più dialetti: romano, e pure, dal veneto al calabrese, con una voce molto suadente e dinamica, benché pacata e calda. 

Attualmente, insieme al lavoro di tutoring d’eccezione, prosegue come regista e attore di spettacoli per bambini. 

Il Metodo Vocal Care ®

Si tratta di una ricerca vocale ideata, sviluppata e brevettata dalla Dottoressa Danila Satragno, che per lungo tempo ha studiato approfonditamente la voce, l’organo fonatorio, e le discipline correlate all’interazione di voce e corpo

L’indagine continuativa, così come l’analisi, è altresì essenziale, e si avvale, ulteriormente, degli studi di ricerca funzionale e, anche, anatomica

Scientificamente provato, l’approccio è perfetto per il potenziamento della voce attraverso il contributo di programmazione neurolinguistica, allenamento respiratorio, combinati con ginnastica ergonomica. Un unicum multidisciplinare per ottimizzare i risultati sulla sonorità. 

Viene richiesto un costante aggiornamento e rappresenta il principio sul quale si è fondato l’Istituto omonimo, con un’esperienza di ben trentacinque anni. Vi collaborano una trentina di artisti e sedici trainer. 

Danila Satragno: il respiro fra canto e recitazione

La Satragno, eclettica musicista e cantante, è anche conosciuta come esperta Vocal Trainer di artisti del calibro di Arisa, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, JovanottiGiusy Ferreri, gli ex Pooh Red CanzianRoby Facchinetti.

(Alla luce degli sforzi che stanno “dietro” al coordinamento di fisico, respiro e voce, diventa ancora più struggente ripensare alla canzone “Rinascerò, Rinascerai”, dedicata alla tragedia del Covid-19 che ha colpito, per prima, la sua Bergamo. Una speranza di raccogliere fondi per gli ospedali, senza dimenticare uno sguardo fiducioso verso il futuro. Commuove ripensare alla stesura del pezzo con l’aiuto di Mogol e del compianto Stefano D’Orazio). Oltre a loro spiccano anche Ghali, Irama, Ornella Vanoni, Annalisa, e l’idolo rock dei giovanissimi di tutto il mondo, fresco vincitore dell’Eurovision Damiano David, leader dei Måneskin, giunti a oltre 200 milioni di visualizzazioni del brano “I Wanna Be Your Slave“.   

Ma non solo, la voce è uno strumento essenziale, è un lavoro che richiede allenamento e costanza, come Andrea Piovan insegna; anche gli attori Nerì Marcorè e Luca Bizzarri studiano con il training della Satragno. 

Tanti artisti e tanti ospiti d’eccezione per un’eccellenza italiana nel mondo

Insieme al Tutor Piovan, sono autorevoli gli artisti che hanno aderito e affiancato il Camp come tutor e mentori: il Maestro Beppe Vessicchio, Fausto Donato, lo stesso Mogol, Manuel Agnelli, Davide Simonetta, Federica Abbate, Fernando Trinino. Giocoforza, non mancano i coach della scuola.

Quest’anno, l’ospite attesa è Mydrama, ex concorrente di X-Factor.

Giunto alla sua ottava edizione, l’evento sta diventando una realtà dall’eco respiro internazionale, pur mantenendo salde le origini tipicamente e orgogliosamente italiane.

Il doppiaggio, da sempre, è un’eccellenza del nostro Paese.

Non ci resta che sentire!

Come gli altri doppiatori italiani, Andrea Piovan è un esempio di come dedizione e lavoro paghino, e di quanto una voce, il suo timbro, la sua unicità, per quanto risuoni qualvolta come un eco lontano, resti impressa nel subconscio, più intimo e profondo, molto più della parola stessa. Fra quei silenzi che l’avvalorano. 

Che dire, non ci resta che sentire!

 

A cura di Veronica Fino

Redazione

Scritto da Redazione

La redazione di VanityClass.

Green Pass italiano, boom di prenotazioni per il vaccino

Vie d’Acqua, una mostra che esalta le potenzialità energetiche ed estetiche dell’acqua