in

#Avvenireperdonneafghane

L’impegno a fianco delle donne afghane non finisce qui

#Avvenireperdonneafghane, progetto benefico e di sensibilizzazione del quotidiano, a poco più di un mese dal lancio registra grandi numeri

#AvvenireperdonneafghaneOltre 40 articoli pubblicati e oltre 300.000 utenti raggiunti sui social

#Avvenireperdonneafghane, progetto che ha coinvolto tutte le giornaliste e collaboratrici di Avvenire, si è chiuso solo simbolicamente l’8 marzo

Perché l’impegno a fianco delle donne afghane non finisce qui.

Avvenire continuerà a seguire, come ha sempre fatto, l’evoluzione della situazione nel Paese, motivato ancora di più dai numeri

Hanno portato ad una raccolta di donazioni, tra i lettori e non, oltre le aspettative.

Sono stati pubblicati oltre 40 articoli, sul sito e sul giornale: lettere dall’Afghanistan, interviste ad attiviste esuli all’estero, testimonianze di rifugiate in Italia e riflessioni di grandi scrittrici italiane

Maria Pia Veladiano, Ritanna Armeni, Tiziana Ferrario e Marina Terragni.

Quasi 200.000 le visualizzazioni di pagine sul sito e oltre 300.000 utenti raggiunti sui social (Facebook, Instagram, twitter, Youtube).

Un grande lavoro di documentazione e sensibilizzazione per testimoniare la situazione di un popolo vittima delle stringenti restrizioni imposte dai talebani nell’Emirato islamico.

Il progetto benefico, lanciato in collaborazione con Caritas, finanzierà nei prossimi mesi un progetto di sostegno all’istruzione.

La consegna simbolica dell’assegno al Direttore di Caritas Don Marco Pagniello, avverrà il prossimo 28 marzo, in occasione di un incontro presso la sede milanese del quotidiano

Vedrà la presenza del Direttore Marco Tarquinio, delle coordinatrici del progetto Antonella Mariani, Viviana Daloiso e Lucia Capuzzi, giornaliste di Avvenire

Non mancheranno i rappresentanti delle onlus che hanno collaborato all’iniziativa: da Nove Onlus a Emergency, dal Coordinamento italiano sostegno donne afghane (CISDA) ad Azione contro la fame e WIIS Italy.

E poi le voci e le testimonianze di donne afghane come Madina Hassani, attivista rifugiata nel nostro Paese

Ma anche Elnaz Mahandes, ospite del progetto di accoglienza per profughi afghani della Casa della Carità di Milano.

Il progetto #Avvenireperdonneafghane è andato anche oltre

Fonte d’ispirazione per alcuni studenti di un liceo, che saranno collegati con noi, per raccontare come la nostra campagna per le donne afghane sia diventata un lavoro comune in classe

Per sensibilizzare l’intera scuola sul tema, oltre alla testimonianza di Suor Maria Rosa Bernardinis, Madre Priora del Monastero agostiniano di Santa Rita da Cascia

Proprio lei ha voluto sostenere il progetto con tutta la sua comunità e alla fotografa Laura Salvinelli.

#Avvenireperdonneafghane nei prossimi giorni diventerà anche una miniserie podcast in cinque puntate

Attraverso le giornaliste, verrà data voce a lettere di donne rimaste in Afghanistan che continuano a lottare per non essere cancellate dalla storia.

Dal 28 marzo disponibili su: https://www.avvenire.it/podcast.

In autunno il progetto diventerà anche un libro.

 

Redazione

Scritto da Redazione

La redazione di VanityClass.

Smog

Smog, è possibile chiedere un risarcimento danni? | Voce al Diritto

Dance Andalucía allo Spazio Teatro No’hma