in

Casa Mezzo Kg, Daniele e Kekko: “Insieme siamo più forti” | Intervista

“Siamo dei portavoce e, in quanto tali, abbiamo grandi responsabilità verso coloro che ci seguono e ci apprezzano” hanno rivelato i due tik toker da oltre un milione di follower

Persino il più piccolo dei gesti può portare al più grande dei cambiamenti. Una frase che si sente ripetere spesso, ma alla quale in pochi credono davvero. Pochi, certo, ma pur sempre buoni. Tra questi, in particolare, ci sono sicuramente Daniele Gadaleta e Francesco Maione, i “Daniele e Kekko” di Casa Mezzo Kg, nota pagina di Tik Tok da oltre 1 milione di follower, che ogni giorno tengono compagnia agli utenti con i loro simpatici sketch. Due ragazzi normalissimi che si amano e che, con gentilezza e semplicità, condividono la loro quotidianità nella speranza di poter dare anche una mano a chi li segue ormai da anni.

Quello che è iniziato come un gioco, infatti, si è rivelato uno strumento efficace attraverso il quale poter lanciare messaggi di vita fondamentali e riflettere su tematiche estremamente attuali: il coming out, il body shaming, l’accettazione della sessualità e il bullismo, per citarne alcune. Il tutto, naturalmente, avendo ben a mente il fine ultimo di trasmettere amore e positività.

Insieme siamo più forti“, questo è il loro motto. Lo hanno dimostrato (e continuano a farlo) sui propri canali sociali ufficiali e ce lo hanno ricordato nel libro “Insieme siamo più forti. Non conta da dove vieni, ma dove stai andando” (2021, Edizioni &100), nel loro singolo musicale “Camma spusà”, in cui pongono l’attenzione sulla questione del matrimonio tra persone dello stesso sesso, e in una pellicola di prossima uscita dal titolo “Un milione per un tik toker”. 

Per questo, abbiamo deciso di raggiungerli telefonicamente e di intervistarli per voi. Buona lettura! 

Daniele e Kekko di Casa Mezzo Kg – L’intervista

Casa Mezzo Kg, Daniele e Kekko: "Insieme siamo più forti" | Intervista
Daniele e Kekko

Buon pomeriggio e benvenuti tra le pagine di VanityClass. Siete due tiktoker piuttosto popolari, tant’è che moltissimi utenti vi seguono e vi apprezzano per i video divertenti che pubblicate sulla vostra pagina Casa Mezzo Kg. Andando un po’ oltre le due star di Tik Tok, però, chi sono Daniele e Francesco? 

Niente di più e niente di meno di ciò che vedete tutti i giorni sui social network. Siamo interpreti di noi stessi, due semplici ragazzi che stanno insieme da 16 anni e che, nonostante numerosi sacrifici per portare avanti la loro relazione, sono arrivati dove sono oggi. Per carità, è pur vero che un minimo di studio dietro ai video che pubblichiamo viene fatto, ma tutto sommato ci mostriamo per quello che siamo a 360°, nel bene e nel male, senza tralasciare nulla. 

Come è nata l’idea di aprire un profilo su Tik Tok e di iniziare a realizzare degli sketch? 

A dir la verità la nostra avventura su Tik Tok è nata un po’ per caso. Abbiamo sempre sentito la particolare necessità di esprimerci e far uscire fuori ciò che avevamo dentro. Sin da ragazzi, infatti, abbiamo cercato di dar voce alle nostre emozioni attraverso varie forme artistiche. Pittura, disegno, fotografia, poesie e poi, qualche anno più tardi, abbiamo cominciato a farlo anche con i video. Amiamo fare comitiva, ascoltare ed essere ascoltati, e Tik Tok ci ha dato la soddisfazione e l’opportunità di avere un pubblico molto vasto con cui poter condividere qualcosa. Nel tempo abbiamo coltivato questa possibilità, cercando di comprendere gli utenti che ci seguono e soprattutto quello che si aspettano da noi.

E così, alla fine, è nata Casa Mezzo Kg. Tutto è venuto da sé, in maniera spontanea e naturale. Non è stata una cosa realmente pensata e forse è proprio per questo che siamo ancora più grati del riscontro positivo che abbiamo ottenuto e che otteniamo tutt’ora.   

Nei vostri video siete molti simpatici ed ironici, ma al tempo stesso cercate sempre di lanciare messaggi importanti…

Certo, per noi questo è un punto fondamentale. Noi due ci riteniamo dei ragazzi molto fortunati, le nostre famiglie ci hanno supportato continuamente e non abbiamo mai avuto grandissime difficoltà, sebbene anche noi abbiamo avuto la nostra buona dose di ostacoli da superare. Tuttavia, in tanti non hanno avuto la nostra stessa fortuna perciò ci sentiamo in dovere di tendere una mano a chi ne ha più bisogno. Come ripetiamo sempre, “Insieme siamo più forti”, e non c’è niente di più vero!

Vi aspettavate un così grande successo?

In realtà non c’è mai stato un vero e proprio boom immediato. Il successo, se così vogliamo chiamarlo, è arrivato a piccole dosi. C’è stato un lento crescendo. A volte non ce ne rendiamo ancora conto e ci stupiamo di quanto la gente di ammiri. Abbiamo, persino involontariamente, aiutato tantissime persone e questo ci riempie di orgoglio, spingendoci a fare sempre di più. In tanti condividono con noi le loro storie, le disavventure, le sfide quotidiane che devono affrontare, le sciagure, e ci raccontano di come noi li abbiamo aiutati a superare tutto ciò, regalando loro anche solo un sorriso. Insomma, siamo consapevoli di avere una grande responsabilità verso i nostri followers e ci impegneremo al massimo per migliorarci, per poter continuare ad aiutare quante più persone possibili. 

Il venire a contatto con realtà che prima vi erano sconosciute, l’incontro con nuove persone e, alla luce di ciò che avete appena raccontato, la percezione sempre maggiore della responsabilità che avete nei confronti di chi guarda a voi come a dei modelli da seguire, hanno cambiato voi e la percezione che avevate prima di chi e cosa vi circonda?

Assolutamente sì. Per prima cosa, ci ha fatto capire quanto sbagliassimo a lamentarci persino delle stupidaggini del quotidiano, di quello che non avevamo, e quanto non ci accorgessimo, invece, di ciò che possedevamo già. Avere una persona che ci ama, un tetto sulla testa, un lavoro, una stabilità economica, degli amici e una famiglia che ti sostiene non sono cose scontate, ma spesso e volentieri le reputiamo tali. Dovremmo tutti cominciare a dare alle cose il loro giusto valore e a prestare attenzione a ciò che lo merita davvero. Il sapere di potere essere utili agli altri, poi, ci ha aiutato a maturare, ha cambiato la percezione che avevamo di chi circonda e di noi stessi.   

Casa Mezzo Kg, Daniele e Kekko: "Insieme siamo più forti" | Intervista
Daniele e Kekko di Casa Mezzo Kg

Non siete soltanto voi a lasciare qualcosa agli altri, dunque, ma anche gli altri hanno lasciato qualcosa a voi…

Esatto. Gira tutto intorno a quello che è poi divenuto un po’ il nostro motto di vita: “Insieme siamo più forti”. Noi possiamo dare agli altri ciò che abbiamo e qualcun altro può restituirci ciò che abbiamo perso oppure che non abbiamo mai avuto. 

Ed è questo che vi ha spinto a scrivere il libro? 

No, il libro lo abbiamo scritto perché in molti ci chiedevano di poter conoscere la nostra storia, chi siamo noi, perciò lo abbiamo fatto. Ci siamo dati al pubblico, raccontandoci senza filtri. Vorremmo tanto girare anche una sit-com di Casa Mezzo Chilo, ma vedremo. Ci stiamo impegnando affinché possa avvenire, ma chissà, soltanto il tempo potrà dirci se il nostro progetto andrà in porto oppure no. Non cerchiamo fama o denaro, stiamo bene con quello che abbiamo, ma se facendo ciò che facciamo possiamo aiutare qualcuno a star meglio, perché no. Lo facciamo volentieri! 

Per quanto riguarda “Un milione per un tik toker”, invece, che cosa potete raccontarci?

Allora, “Un milione per un Tik Toker” è una commedia per tutti con attori noti e personaggi social che mette a confronto la storia di un erede nobile squattrinato che odia le piattaforme virtuali ed i loro più seguiti protagonisti, molti dei quali, proprio grazie al loro lavoro on line, riescono a monetizzare parecchio. Il film, che al momento è ancora in post-produzione, racconta la storia di un Principe ridotto in miseria che, con un inganno, invita ad una cena di gala otto tik toker famosissimi i quali verranno poi sequestrati con l’intenzione di chiedere un riscatto “on line” ai loro followers. Che dire, una trama molto simpatica a cui ci hanno chiesto di prendere parte. Ci siamo divertiti nel girare le nostre scene e al momento siamo in attesa della release ufficiale. Un’esperienza bellissima che, ne siamo certi, piacerà moltissimo anche al pubblico!

Nel vostro singolo “Cumma spusà” affrontate tematiche piuttosto attuali come quella del matrimonio tra persone dello stesso sesso. Nell’ottica delle discussioni che ci sono state nell’ultimo periodo e alla luce del recente cambio di Governo, di cui conosciamo bene la posizione in merito a determinati argomenti, c’è qualcosa che volete dire?

Beh, è un discorso piuttosto complicato. Per quel che ci riguarda, sinceramente parlando, non abbiamo mai avuto grandi problemi di omofobia, di mancanza di rispetto o di discriminazione. Per questo, ripetiamo che ci sentiamo davvero fortunati a differenza di altri. In linea di massima, cerchiamo di restare fuori dalle questioni politiche e di tenerci lontani dalla “paura” generale che si è diffusa subito dopo le elezioni. Al momento diamo poco peso a questo cose, soprattutto perché i Governi, come oramai tutti sappiamo, non durano più di tanto in questo Paese (ridono)! Scherzi a parte, se ci sarà occasione di esporci ancor di più su certe tematiche, se si dovrà scendere in piazza, lo faremo senza ombra di dubbio. Per ora, però, continuiamo a portare avanti la nostra esperienza e il nostro lavoro con Casa Mezzo Kg

Considerando le numerose tematiche che toccate sulla vostra pagina e la possibilità che vi offre Tik Tok di raggiungere un ampio bacino di utenza, composto soprattutto da giovanissimi, quanto ritenete sia importante affrontare certe questioni?

Importantissimo. Ogni giorni riceviamo messaggi di giovani e non che ci confidano di come i nostri video si siano rivelati preziosi nel cambiare la percezione che avevano di queste tematiche. Tanti padri ci hanno raccontato di aver compreso di avere dei figli omosessuali e di essere riusciti ad accettarli. Oppure, molti ragazzi ci dicono di aver avuto il coraggio di fare coming out semplicemente guardandoci, e così via. In svariate occasioni, poi, siamo stati in grado di far vedere le cose in maniera diversa a chi prima aveva delle perplessità e spesso questo succede quando qualcuno ci attacca. Noi cerchiamo sempre di rimanere aperti al dialogo, al confronto costruttivo. Siamo dei portavoce e, in quanto tali, dobbiamo fare qualcosa non solo per chi ci stima, ma anche (e soprattutto) per chi ci odia. 

Non siamo tutti uguali, ma siamo tutti un po’ diversi. Ed è proprio per questo che insieme siamo più forti“!!!

Per rimanere aggiornati sulle ultime news, seguiteci su: Facebook, Instagram e Twitter. 

Diego Lanuto

Scritto da Diego Lanuto

Classe 1996, studente laureando in "Lingue, Culture, Letterature e Traduzione" presso l'Università di Roma 'La Sapienza'. Appassionato di scrittura, danza, cinema, libri e molto altro, nel corso degli anni ha collaborato con diversi siti e testate giornalistiche on line tra cui Metropolitan Magazine, ATuttoNotizie, M Social Magazine e Spyit.it. Ha scritto alcuni articoli per la testata giornalistica cartacea ORA Settimanale. Ha curato progetti in qualità di addetto stampa. Attualmente è redattore presso la testata giornalistica Vanity Class e addetto stampa del progetto "L'Amore Dietro Ogni Cosa - Andrea Crimi canta Simone Di Matteo".

Un magico Natale

Un magico Natale (1985) | Cinema Sommerso

Will Busetti: “Ci vediamo a Sanremo”