in

Cresce la richiesta di prestiti da parte delle famiglie

Lo studio condotto da CRIF indica una chiara e marcata ripartenza dei consumi

— richiesta di prestiti — a cura di Francesco Megna  — 

Nonostante l’incerto scenario economico, l’aumento dei costi riferibili all’energia ed il rialzo dei tassi di interesse, cresce la richiesta di prestiti da parte delle famiglie italiane, sia per sostenere piccoli e importanti investimenti, sia per l’acquisto di una casa.

Lo studio condotto da CRIF

Lo studio condotto da CRIF evidenzia inoltre il deciso allargamento degli utenti che hanno sottoscritto almeno un contratto di credito rateale, pari al 46% circa, in crescita di quasi l’8% rispetto allo scorso anno. Un dato che certifica una chiara e marcata ripartenza dei consumi sostenuti da finanziamenti concessi a condizioni decisamente convenienti; l’analisi del tasso di default certifica infatti  che le ‘sofferenze’ si attestano intorno all’1%.

Scende l’età media dei richiedenti

Nello specifico i nuovi richiedenti hanno una età media di 32 anni (contro i 46 di chi ha già un credito attivo ), e nel 41% dei casi hanno meno di 25 anni. Crescono del 7% circa i richiedenti under 25 7,6% mentre   quasi una richiesta su quattro proviene da cittadini non nati in Italia, con una crescita del 5% circa.
La geografia del credito evidenzia una situazione nazionale variegata, contraddistinta da marcate differenze su base regionale con riferimento ai prestiti chiesti dai nuclei familiari. Le cause del fenomeno sono riconducibili principalmente alla diversa attitudine a produrre reddito e risparmio, ma specialmente il costo degli immobili che sottoposti a notevoli variazioni dal punto di vista territoriale . A condizionare il ricorso a un prestito è anche la diversa inclinazione a preferire un familiare o un amico per pianificare un acquisto rilevante, a svantaggio dei consueti canali.

La richiesta di prestiti nelle regioni italiane

In vetta alla classifica troviamo la Valle d’Aosta (56% della popolazione con almeno un prestito attivo), poi Toscana (51%) e Lazio (50%). In coda Basilicata (36%), Campania (39%) e Trentino Alto Adige (26%). Supera il 50% la richiesta di prestiti finalizzati per l’acquisto di beni e servizi. Si ferma invece al 20% circa la domanda di mutui per l’acquisto della casa. Il valore medio mensile della rata (pro capite) si attesta intorno ai 300 euro; in deciso calo rispetto agli anni precedenti mentre le regioni con un reddito disponibile sopra la media come Trentino A. Adige, Lombardia, Veneto,  Emilia Romagna e Friuli V.Giulia sono quelle dove i consumatori versano rate di prestito più elevate. Sotto la media troviamo invece Molise, Sardegna e Calabria.

Contratti a tasso fisso o tasso variabile con CAP

Si evidenzia inoltre  come l’aumento dell’indice Euribor a 3 mesi  abbia determinato un deciso aumento dell’importo della rata dei mutui a tasso variabile in via di rimborso, inducendo le famiglie a sottoscrivere contratti a tasso fisso o tasso variabile con CAP. Nonostante  la situazione di insistente  incertezza, permane la dinamicità della domanda dei mutui da parte dei giovani, con oltre 1/3 delle richieste presentate da under 35.

Cresce la richiesta di prestiti da parte delle famiglie♥♥♥♥♥♥♥♥

Auguri a Francesco Megna

Il 3 dicembre scorso presso il Comune di Pusiano si sono.uniti in matrimonio Francesco Megna, autore di questo articolo, e Claudia Corbetta.

Da parte della redazione i migliori auguri.

Paolo Brambilla

Scritto da Paolo Brambilla

Paolo Brambilla, bocconiano, ha seguito il mondo economico-finanziario per molti anni. Scrive di finanza, cultura e innovazione digitale su varie testate. E' direttore responsabile di Investopro.com e dirige l’Agenzia di stampa Trendiest Media www.trendiest-news.com. E' editor in chief di www.assodigitale.it

Biancaneve e vissero felici e contenti (1989) | Cinema Sommerso

Un Dono alla Città di Milano