in

Elisabetta Gregoraci a Brescia: Caviale e solidarietà

Madrina di una serata di gala, nella pregiatissima cavialeria “La Briciola” di Brescia, la conduttrice Elisabetta Gregoraci ha aderito all’iniziativa solidale “Freedom of Moving”

Al fascino che la rende una delle showgirl italiane della sua generazione più note all’estero contribuisce anche un grande cuore. Elisabetta Gregoraci ha aderito alla campagna  di mobilità sociale “Freedom of Moving”. Nata da un’intuizione dell’imprenditore e filantropo bresciano Dario Rolfi e del noto giornalista e scrittore Franco Bomprezzi.

Dal 1964 la Rolfi – Allestimenti Speciali si occupa di progettare e realizzare veicoli per la mobilità, luxury e completamente accessibili. Che  favoriscano  l’inclusione delle persone con disabilità, in casa e fuori. Come quelli presentati durante l’esclusiva charity dinner presso la cavialeria La Briciola di Brescia. Fiore all’occhiello del jet set lombardo e dell’intero Nord Italia. Forte di un menu che contamina col caviale proposte della cucina tradizionale, bagnandole con dell’ottimo champagne.

Le “nuove creature” della Rolfi- Allestimenti Speciali sono due autovetture a pianale ribassato. Che, derivate da quelle già presentate in esclusiva mondiale nel 2000, permettono alla persona in carrozzina, grazie ad un innovativo sistema di compressione delle sospensioni posteriori, di salire a bordo in maniera veloce e sicura. I veicoli sono brevettati per accogliere  anche carrozzine elettroniche ed extralarge.

Forte dell’empatia che da sempre la contraddistingue e che instancabilmente la spinge a mettere la propria popolarità al servizio di cause dalla forte valenza sociale, Elisabetta Gregoraci ha tagliato il nastro delle due nuove autovetture Rolfi – Allestimenti Speciali. Che saranno messe a disposizione di alcune associazioni del Terzo Settore che lavorano a stretto contatto con la disabilità. O di privati cittadini che dovessero averne necessità.

Elisabetta Gregoraci a Brescia: Caviale e solidarietà

Con progetti di mobilità sociale  sempre all’avanguardia, nel corso della sua storia pluriennale Rolfi – Allestimenti Speciali ha lavorato in sinergia con, tra gli altri: Village 4 All, AISLA, Uildm, Trenta Ore per la Vita – AISM, Telethon e Croce Rossa Italiana.

<<Ma non posso dimenticare – aggiunge Dario Rolfi – quanto per noi hanno fatto privati cittadini con le loro libere donazioni e grandi testimonial, tra gli altri Stefano Borgonovo, Bruno Arena e Matteo Cavagnini,  che hanno preso più volte parte ad iniziative charity, come i tanti calendari ad opera del fotografo Enrico Ricciardi>>.

Gli scatti hanno ritratto personaggi come Roberto Mancini, Alfonso Signorini, Bobo Vieri, Costanza Caracciolo. E poi Samuel Eto’o, Simona Atzori, Antonio Rossi, Federica Pellegrini, Alessandro Matri, Valeria Marini, Clizia Incorvaia, Federica Nargi, Elenoire Casalegno. E ancora Pierluigi Pardo, Claudia Galanti, Lola Ponce e Olga Kent. Tra questi figura proprio Elisabetta Gregoraci che omaggiò, con l’umiltà che la contraddistingue, il grande charme di Gina Lollobrigida.

La foto è stata riprodotta dall’artista Claudio  Gangi e messa in vendita insieme ad un’opera dell’artista contemporanea emergente  Aurelia Kramarivszka, che ha ritratto, in stile Pop Art, la conduttrice di Battiti Live.

I proventi di tutte le attività benefiche patrocinate da Rolfi (oltre a finanziare il progetto  per la costruzione di case hi-tech e domotiche completamente accessibili), mirano a sostenere l’inclusione delle persone con disabilità. Non solo garantendo loro massima libertà di movimento,  ma anche attraverso la musica e lo sport. Conclude, infatti, Rolfi: <<A Sanremo 2021, grazie ad Amadeus, Zlatan Ibrahimovic e l’indimenticabile Sinisa Mihajlovic, abbiamo presentato l’ambizioso programma del PowerChair Sport: dopo aver vinto i campionati mondiali di PowerChair Hockey, il nostro ulteriore sogno è quello di far giocare a calcio, grazie al  PowerChair Football,  anche le persone con disabilità motorie più gravi e su carrozzine elettroniche>>.

Così lo staff della Cavialeria La Briciola:  <<Il grazie più sentito va ai nostri clienti e ad Elisabetta, che non si è mai negata all’affetto della gente, con un sorriso od un selfie, confermandosi in più di un’occasione donna attenta ai bisogni di chi vive in particolari condizioni di fragilità. Quando ci sarà da fare del bene, La Briciola risponderà sempre presente>>.

Redazione

Scritto da Redazione

La redazione di VanityClass.

“La Vecchia Signora a Capri” di Gianni Busatto, una chiave di lettura dell’opera di Dürrenmatt all’insegna di redenzione e amore salvifico

ARMOND

ARMOND PRESENTA LE SUE NUOVE E RICERCATE SNEAKERS