in ,

Il laboratorio Orafo Porro

Ad un passo dall’Accademia di Belle Arti di Brera.

Il laboratorio Orafo PorroIl laboratorio Orafo Porro prosegue ininterrottamente una lunga tradizione famigliare, iniziata nel cuore di Milano negli anni venti, da parte del nonno Luigi Porro, l’iniziatore della bottega.

Design italiano, artigianalità e stile contemporaneo caratterizzano oggi questo laboratorio orafo, icona del made in Italy, portato avanti dalle nipoti Francesca e Marta Porro.

Dal disegno alla creazione, tutto è realizzato rigorosamente a mano e su misura.

Specializzato in alta gioielleria, il laboratorio produce pezzi unici in grado di esprimere originalità, autenticità e carattere.

Il laboratorio si trova in via Fiori Chiari, ad un passo dall’Accademia di Belle Arti di Brera.

E ha attirato numerosi artisti che nel tempo fecero realizzare le proprie opere.

Il laboratorio Orafo PorroCome fu per l’artista Consagra che commissionò anelli, spille e orecchini.

Nel palazzo visse e operò l’artista concettuale Piero Manzoni e il cantante lirico Giuseppe Zecchillo, una delle figure che hanno fatto grande Milano

La Storia

In quel periodo di grande fervore delle arti e delle lettere, Luigi Porro inizia anche la sua collaborazione con i più importanti nomi della gioielleria milanese dell’epoca.

Il laboratorio Orafo PorroE ottiene riconoscimenti a livello nazionale oltre che per la creazione di gioielli nello stile e con le tecniche antiche, anche per i suoi disegni di gioielli moderni e innovativi.

Nel dopoguerra l’attività assume sempre maggior importanza con l’ingresso in laboratorio del figlio Mario, dopo un’esperienza maturata come disegnatore e creatore orafo presso altre aziende.

L’attività del laboratorio è continuata nella storica sede, a due passi dal Teatro della Scala.

Fino agli anni Ottanta quando è stato costretto a trasferirsi nella sede attuale di via Fiori Chiari, nel cuore di Brera.

Redazione

Scritto da Redazione

La redazione di VanityClass.

Andreea Rabciuc

Andreea Rabciuc, la misteriosa scomparsa della donna

5 Corpi senza Testa (1964) | Cinema Sommerso