in

Le orme (1975) | Cinema Sommerso

Le orme, Luigi Bazzoni, 1975

Le orme

Le orme: Roma, inizi anni Settanta. La giovane Alice Campos (Florinda Bolkan) lavora all’Eur come interprete di francese per grandi convegni politici. Una mattina si sveglia nel suo appartamento convinta che sia ancora martedì. Arrivata al lavoro, viene rimproverata dai suoi capi dicendo che abbia abbandonato la propria postazione, in modo improvviso e agitato, ed è scomparsa per ben due giorni.

Le orme (1975) | Cinema Sommerso
Le orme – Poster

Alice non sa cosa sia accaduto in quei fatidici giorni e, tornata a casa, trova per caso un vestito giallo macchiato di sangue e una cartolina fatta a pezzi che reca la scritta Garma, un’antica città della Turchia.

Si accorge anche di aver perso uno dei suoi orecchini di perle. Quella notte non riesce a riposare bene a causa di un sogno ricorrente di un astronauta abbandonato sulla Luna a causa di un folle esperimento del dott. Blackmann (Klaus Kinski). Decisa ad andare in fondo alla faccenda, prende il primo volo e torna a Garma.

Il mistero s’infittisce quando tutti in città iniziano a chiamarla Nicole e affermano di averla già vista lì pochi giorni prima.

Le orme – Un’analisi della psiche umana

Le orme (1975) | Cinema Sommerso

Il regista Luigi Bazzoni, poco ricordato ai più, decide di analizzare la psiche umana affidando il compito alla sua attrice protagonista, la spigolosa e glaciale Florinda Bolkan (qui all’apice della sua carriera).

La Bolkan sembra una menade impazzita che non ha paura di mostrare i lati più oscuri dell’essere umano. Fragilità e pazzia si mescolano in questo capolavoro di Bazzoni che deve essere recuperato dall’oblio della memoria.

La memoria, per l’appunto, il ricordo, la paura e l’orrore sono gli elementi di questo psico-thriller, unico nel suo genere. In un viaggio nella mente, Alice dovrà affrontare i propri demoni, andare oltre lo specchio come Alice nel paese delle meraviglie e rivivere i ricordi che più la terrorizzano.

Una pellicola dimenticata nel tempo

Uscito nelle sale cinematografiche nel 1975 e poi dimenticato, Le orme è davvero un unicum. Con le musiche spettrali e inquietanti del futuro premio Oscar, il Maestro Nicola Piovani, il film di Bazzoni si regge per la sua bravura nel dirigere gli attori.

Le attrici del film, Lila Kedrova e Caterina Boratto sono bravissime e sembrano delle cartoline d’epoca. La piccola Nicoletta Elmi nel ruolo di Paola Bersel è una sorta di specchio nel quale il personaggio di Alice si riflette.

“Io non sono Nicole”. Queste parole riecheggiano spesso per tutta la pellicola mentre il passato, il presente e la finzione si perdono e si confondono costantemente mettendo in difficoltà lo spettatore che si inganna piacevolmente nel cercare di scoprire il mistero della protagonista.

Garma. Città immaginaria (peccato) immersa nell’antica Turchia è in realtà la città Faselide nel distretto di Kemer (Adalia). Le rovine della città diventano esse stesse parte integrante delle follie e della spasmodica ricerca della verità della Bolkan.

Fotografato splendidamente dal tre volte premio Oscar Vittorio Storaro, il film di Bazzoni è un intricato labirinto nel quale lo spettatore si perde. Le scene inquietanti dell’allunaggio e del malcapitato astronauta che viene lasciato lì a morire, fanno da sfondo ricorrente, da leitmotiv dei sogni e soprattutto degli incubi della protagonista.

Tratto dal romanzo Las Huellas di Mario Fenelli (qui in veste di sceneggiatore insieme allo stesso regista), il capolavoro di Bazzoni rappresenta anche il suo testamento dato che non farà altri film fino

alla sua morte avvenuta nel 2012. Le scene sulla spiaggia dove le ‘orme’ della protagonista si uniscono a quelle dell’astronauta sulla Luna e soprattutto, gli scontri verbali e fisici con la Elmi sono qualcosa di sublime che farà emozionare lo spettatore con un finale a sorpresa mozzafiato.

Buona visione e seguite le orme

Armi

Armi: “Meglio un cattivo processo che un bel funerale?”