in

Leviathan (1989) | Cinema Sommerso

Leviathan, George Pan Cosmatos, 1989

Leviathan

Leviathan: Oceano Atlantico, fine anni Ottanta. Sul fondo dell’oceano l’azienda Tri Oceanic ha costruito una base sottomarina per estrarre l’argento. A guidare il gruppo di operai a sedicimila piedi di profondità vi è il geologo Steven Beck (Peter Weller) incaricato dalla CEO della Tri Oceanic Corporation, Miss Martin (Meg Foster). L’uomo dovrà stare tre mesi con un gruppo affiatato di collaboratori al fine di estrarre più argento possibile. L’equipaggio del sottomarino è composto dal dottor Glen Thompson (Richard Crenna), Willie Williams (Amanda Pays), Buzz Parrish detto “tre palle” (Daniel Stern), Justin Jones (Ernie Hudson), Bow Bowman (Lisa Eilbacher) e G. P. Cobb (Héctor Elizondo).

Leviathan (1989) | Cinema Sommerso
Leviathan – Poster Ufficiale

Durante i lavori di trapanazione, però, Buzz cade in un crinale e si imbatte casualmente in una nave russa, il Leviathan che risulterebbe in servizio presso il Mar Baltico. L’uomo chiede aiuto al suo equipaggio e insieme entrano nel relitto recuperando dal suo interno una cassaforte contenente alcune fotografie, un videotape e una fiaschetta di vodka. Tre palle decide di sottrarre la bevanda che dividerà con Bowman. Da quel momento in poi, la vita dei dipendenti della Tri Oceanic cambierà per sempre in un gioco al massacro.

Leviathan – Horror d’altri tempi

Il regista greco George Pan Cosmatos dirige un capolavoro d’altri tempi che strizza l’occhio a film quali: Alien (Ridley Scott, 1979), The Abyss (James Cameron, 1989) e soprattutto Creatura degli abissi (Deepstar Six, Sean S. Cunningham, 1989), cercando però di mantenere un’originalità tutta sua. Sebbene tutti i film sopracitati (tranne Alien) siano ambientati nelle acque profonde, Leviathan ha una forza pervasiva nel mescolare i generi alternando momenti di comicità grottesca (l’atteggiamento iniziale dei vari personaggi) a pura follia e paura generali. Il Leviathan è il mostro antico delle sacre scritture che compare dagli abissi per divorare i peccatori. Qui è raffigurato come il relitto volutamente fatto affondare dai Russi per non infettare il mondo già provato e danneggiato di suo.

Leviathan (1989) | Cinema Sommerso

I personaggi del film si muovono sulla scena come schegge impazzite, girandole senza una meta, rinchiusi in una bolla, una trappola mortale congeniata da loro stessi.

Il senso di claustrofobia unito alla paura e al delirio generale per il mostro (o i mostri) diviene sempre più papabile verso la seconda metà della pellicola. Quando anche i più audaci comprendono la pericolosità della situazione ormai sfuggita ad ogni controllo, vengono bloccati ancora una volta dalla CEO paventando una presunta tempesta che impedisce ai poveri sventurati di poter tornare in superficie.

Un autentico cult del cinema

Scritto a quattro mani da David Webb Peoples (Blade Runner, Ladyhawke) insieme a Jeb Stewart (Die Hard), Leviathan è ancora oggi un film thriller/horror al cardiopalma che terrà inchiodato alla poltrona il suo pubblico di appassionati e ammiratori.

Leviathan (1989) | Cinema Sommerso

Il film di Cosmatos alla fine non ha grandi pretese se non quelle di voler raccontare una storia horror con la speranza di una soluzione positiva finale: la sopravvivenza o meno dei personaggi.

In un crescendo di angoscia emotiva e nella consapevolezza di aver sfidato le eliche della genetica, Steven Beck dovrà decidere se salvarsi la pelle o se sacrificarsi per la sua ciurma di povere anime.

Leviathan (1989) | Cinema Sommerso

Un plauso va anche al personaggio interpretato dal veterano Héctor Elizondo (Pretty Woman) che proverà in tutti i modi di uscire indenne da quell’inferno sott’acqua.

Buona visione a tutti e ovviamente, attenti al Leviatano.

Malinconia? Falla passare i cocktail di Michele Piagno e la brace della Locanda dei Giurati – Como

Milano Fashion Week 2022, dal 20 al 26 settembre