in

Lillo Petrolo e il toccante racconto al Giffoni Film Festival

L’attore romano racconta a cuore aperto come ha vissuto l’ultimo anno e cosa gli accadeva da piccolo

Lillo Petrolo

L’emergenza pandemica da Covid-19 ha messo a dura prova un intero Pianeta. Dalle grandi industrie alla scuola, passando per il semplice cittadino, chiunque si è visto costretto a doversi adattare ad una situazione decisamente fuori “dal normale”. C’è poi chi ha perso i propri cari e chi ha affrontato una battaglia con il virus, uscendone non senza danni. Un po’ quello che è successo a Lillo Petrolo il cui 2021, come dichiarato da lui stesso al Giffoni Film Festival, è un anno che difficilmente potrà dimenticare. 

Lillo Petrolo e il toccante racconto al Giffoni Film Festival
Lillo Petrolo
Fonte: Web

Lillo Petrolo: “Sono passato da un incubo ad una cosa meravigliosa”

In occasione della kermesse cinematografica dedicata ai bambini e ai ragazzi, Lillo ha deciso di raccontarsi a cuore aperto. Durante un incontro con alcuni giovanissimi fan, infatti, ha parlato della malattia che lo ha colpito alcuni mesi fa e di come ne è uscito. Lo scorso novembre, il comico romano ha scoperto di aver contratto il Coronavirus e si è dovuto sottoporre al ricovero in terapia intensiva. La sua ospedalizzazione si è protratta per un lungo periodo, ma alla fine ha avuto la meglio grazie all’aiuto dei medici e alla vicinanza della moglie Tiziana Etruschi. «Un anno come questo me lo ricorderò tutta la vita» ha rivelato alla platea dell’evento. 

Fortunatamente, però, ci sono state anche delle belle sorprese, decisamente positive. Sebbene il mondo dello spettacolo sia in crisi, non essendo possibile esibirsi ancora dal vivo (o perlomeno è estremamente difficile), alcuni mesi prima dell’epidemia l’artista ha accettato di registrare le puntate di un nuovo programma di Prime Video, condotto da Fedez e Mara Maionchi. Si tratta di LOL – Chi Ride è Fuori e il comico, con la sue verve ironica e genuina, è stato subito apprezzato dal pubblico, riscuotendo un successo incredibile. «Dalla terapia intensiva per il Covid – spiega – all’esplosione del programma Amazon Prime. Sono passato da un incubo ad una cosa meravigliosa. Ridere è una necessità e il successo di ‘Lol’ ce l’ha ricordato. Il programma è arrivato in un momento nel quale ne avevamo tutti bisogno. Era quello che avete visto, un’improvvisazione tra amici, qualcosa che ci mancava da troppo tempo». 

Per concludere, Petrolo non si è lasciato sfuggire l’opportunità di parlare della sua infanzia. Stando alle sue parole, difatti, da piccolo veniva preso di mira per il suo carattere e il suo aspetto fisico.  «Io da bambino – dice – ero un pochino bullizzato perché ero timido e pesavo come adesso, Ho iniziato a sviluppare altre qualità per farmi accettare». Ma che dire, ci è riuscito alla grande!

 

Avatar

Scritto da Diego Lanuto

Diego Lanuto, classe 1996, studente laureando in "Lingue, Culture, Letterature e Traduzione" presso l'Università di Roma 'La Sapienza', amante della scrittura e non solo. Appassionato di danza, lettura, cinema, spettacolo e tanto altro!

Vie d’Acqua, una mostra che esalta le potenzialità energetiche ed estetiche dell’acqua

Morgan tra i concorrenti della prossima edizione di Ballandocon le stelle