in

Margot Ferrari: “Ci vorrebbe un’app, il mio tormentone futuristico carico di ironia (e verità)”!

Margot Ferrari

Margot Ferrari, una delle più sorprendenti novità musicali degli ultimi tempi, ha lanciato lo scorso 15 aprile un nuovo brano. Si intitola Ci vorrebbe un’app (Scritta da Ciro Scognamiglio) e, con tanta leggera ironia, racconta la realtà di oggi, che non può prescindere dalla tecnologia e dai social. Forse solo una questione non è ancora stata risolta dai nuovi media: i problemi d’amore. Ecco perché la giovane Margot ha immaginato questa app, con una divertente canzone che, probabilmente, tra qualche tempo si rivelerà una profezia futuristica, come lei stessa ci racconta in questa intervista. 

Margot Ferrari: "Ci vorrebbe un'app, il mio tormentone futuristico carico di ironia (e verità)"!
Margot Ferrari

Raccontaci questa canzone e l’idea di questo video.

È molto semplice. Talvolta si litiga nelle relazioni di coppia, così anch’io nel video di questa canzone litigo con il mio ragazzo (che non si vede), sbattendo il computer. Il vero fidanzato quindi diventa la proiezione dell’uomo ideale in un’app, in grado di capirmi di più.

Ma è davvero così difficile comprendersi in amore?

Siamo presi da mille pensieri e da tante situazioni. Non ci diamo tempo per comunicare. Nel video, si notano grandi ironia e sensualità. Mi piace molto giocare con la mia sensualità, in tutte le sfumature. Qualcuno che mi dice che ce l’ho innata, forse per questo riesco a esprimerla con naturalezza. Non rinuncio mai, però, all’ironia e al sarcasmo: le ritengo armi micidiali per dire quello che si pensa, talvolta rispondendo per le rime.

Questo è un brano che unisce pop e reggaeton, seguendo le mode degli ultimi anni. Cosa lo
distingue, però, dalle altre canzoni?

È un tormentone che ha un messaggio molto concreto, in grado di andare oltre gli stereotipi. È
originale e innovativo. L’app è in questo caso una metafora, ma sono pronta a scommettere che presto sarà una realtà!

Margot Ferrari: "Ci vorrebbe un'app, il mio tormentone futuristico carico di ironia (e verità)"!

Addirittura?

Nei prossimi decenni saremo comandati dai robot: per questo motivo la canzone è già molto avanti,
quasi futuristica.

In questo video la personalità più forte appare proprio la donna, coadiuvata anche da Siri.
C’è un messaggio vagamente femminista?

Sicuramente la risolutezza femminile è molto presente, ma non si vuole offendere con questo la
parte maschile. Diciamo che nel video c’è tutto ciò che mi appartiene, comprese le sfuriate al
telefono con il fidanzato!

Quindi è anzitutto una tua speranza la creazione di un’app così?

Le app hanno già facilitato gli incontri sentimentali, questo è ormai assodato nel mondo di oggi
pieno di impegni per tutti. Quindi, perché non immaginare che possano anche risolvere i problemi
di coppia? La scienza continua ad andare avanti, pertanto diventa quasi obbligatorio sperare che arrivi un’app del genere.

È nata una nuova stella della musica?

Questo lo diranno gli altri, eventualmente. Io di sicuro mi diverto molto a cantare e non posso che ringraziare Domenico Lovallo per avermi dato la possibilità di farlo! Posso dire che ho già in serbo una grande sorpresa per l’estate. Non posso svelarvi nulla di più, ma vi assicuro che resterete a bocca aperta!

Margot Ferrari: "Ci vorrebbe un'app, il mio tormentone futuristico carico di ironia (e verità)"!

Redazione

Scritto da Redazione

La redazione di VanityClass.

I giudizi sospesi, di Silvia Dai Prà

Alessandro Esposito, il personal trainer che piace tanto ai vip