in

Olio di oliva: qual è il miglior olio extravergine?

Le migliori marche di olio extravergine di oliva

olio extravergine d'oliva

Alcune miscele di oli vengono vendute come extravergine ma non lo sono. Ma allora, qual è il miglior olio d’oliva? 

Sei stanco/a di dover scegliere tra decine di colorate bottiglie esposte sugli scaffali dei supermercati? 

Un’inchiesta svela qual è il miglior olio extravergine d’oliva

Sono passati sei anni dall’inchiesta condotta dalla rivista Il Salvagente, nella quale si denunciò il commericio nella GDO di alcuni falsi oli extravergine d’oliva.

La contraffazione dell’olio extravergine d’oliva è una delle truffe più redditizie nel settore gastronomico mondiale. In particolar modo l’olio di origine italiana viene spesso imitato e in certi casi viene fatto in maniera completamente illegale, miscelandolo con altre miscele e rivendendolo per un prodotto diverso da quello che rappresenta veramente.

Olio di oliva: qual è il miglior olio extravergine?

Lo studio de Il Salvagente sull’olio extravergine

Il nuovo studio del 2021 de Il Salvagente, in collaborazione con il laboratorio chimico dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Roma, evidenzia che almeno 7 (su 15 analizzate) miscele di olio fatto passare per extravergine, in realtà sono solo vergine.

Per essere considerato tale, l‘olio extravergine d’oliva deve superare la rigida valutazione dei parametri chimico-fisici, dell’analisi sensoriale e del panel test, condotti da assaggiatori professionisti. 

Olio di oliva: qual è il miglior olio extravergine?

Le migliori e peggiori marche di olio extravergine di oliva

In base al test promosso da “Il Salvagente” hanno superato la prova otto oli di oliva, precisamente:

  • Monini voto 9,5
  • Bertolli Fragrante voto 9
  • Esselunga classico voto 8,8
  • Coop, Conad, Farchioni, Primadonna Lidl e Carrefour cucina delicata (per questi oli il voto va da 7,9 fino a 6)

 

Quali sono invece le marche di olio extravergine d’oliva bocciate dal test de Il Salvagente? Eccole:

  • Carapelli Frantoli, Colavita Mediterraneo tradizionale, Cirio classico, Coricelli, De Cecco classico, La Badia Eurospin, Il Saggio Olivo Todis, tutti con voto 3

Olio di oliva: qual è il miglior olio extravergine?

Come riconoscere un extravergine contraffatto?

Ecco di seguito quali sono i sei consigli utili per riconoscere qual è il miglior olio extravergine d’oliva l’olio ed evitare di essere frodati.

  • Suggerimento n.1: un’etichetta senza l’indicazione di “extravergine” è meglio non acquistarla. 
  • Suggerimento n.2: leggere l’indicazione sul metodo di produzione biologica, l’origine della materia prima, la tecnica di spremitura 
  • Suggerimento n.3: il marchio DOP, se è presente tale dicitura significa che l’olio è di provenienza certa
  • Suggerimento n.4: presta attenzione alla “data di scadenza” che deve essere circa a 18 mesi dal confezionamento
  • Suggerimento n.5: prezzo troppo conveniente. Il prezzo indicativo per un buon prodotto è di almeno 8€ al litro
  • Suggerimento n.6: Colore, profumo e sapore. Il colore dell’olio extravergine d’oliva è molto intenso. Si va dal giallo oro fino al verde smeraldo. L’olio non extravergine presenta una colorazione molto più tenue e più chiara. Infine il sapore deve essere deciso, sapido e intenso.

Leggi qui altri articoli della rubrica L’Influencer del cibo.

Gabriele Antognoni

Scritto da Gabriele Antognoni

Sono infermiere, appassionato di sport, trekking e ricette light, mi
occupo di informazione scientifica sull'educazione alimentare.
Il mio motto è "mangia come vuoi essere".

Fonte Foto Instagram

Fabio Fazio: “Vi lasciamo ringraziandovi per l’affetto con cui ci avete seguito”

Fonte Foto Instagram

SAMAN , LA DICIOTTENNE PAKISTANA, SCOMPARSA DA NOVELLARA