in

“Se Telefonando”, il nuovo podcast di Marco Salvati sulle telefonate che hanno cambiato il panorama dello show business nostrano

Dal Tampongate fino a Bonolis e i Fratelli Capone, senza dimenticare “Pronto Raffaella”, un viaggio alla riscoperta di quei momenti che hanno fatto la storia della televisione e della musica (ma non solo) italiana

Se Telefonando

È uscito lo scorso 30 maggio “Se Telefonando”, nuovo podcast ideato e prodotto dall’audio factory internazionale Dr. Podcast e offerto da Prontofoods by Ristoria. La serie, suddivisa in nove episodi disponibili ogni giovedì su tutte le principali piattaforme di streaming audio, si propone di indagare numerosi aspetti, primo fra gli altri quello di riscoprire le telefonate e i momenti che hanno segnato la storia contemporanea del panorama dello show business nostrano. Dalla televisione alla radio, passando per la musica e il cinema, sono tante in effetti le chiamate, siano state esse inaspettate, fantasma, pianificate, politiche, televisive o altro ancora, che hanno contribuito a far sì che i media e il pubblico intraprendessero una certa direzione. Insomma, un autentico viaggio a ritroso alla guida del quale ci sarà un trio, decisamente sui generis, composto dall’autore televisivo Marco Salvati, dallo scrittore e sceneggiatore Armando Vertorano e dall’attrice Roberta Fiore

Le domande a cui ” Se telefonando” tenterà di rispondere

Tredici miliardi di telefonate attraversano ogni giorno le reti del nostro Pianeta e, di queste, 160 milioni in Italia – circa 110 mila al minuto. Ma quante e quali telefonate hanno davvero cambiato il corso della storia contemporanea? A chi dobbiamo davvero l’invenzione del telefono, che ha rivoluzionato il nostro vissuto personale, culturale, geopolitico? Sono questi alcuni dei quesiti ai quali i conduttori, insieme ai loro ascoltatori, cercheranno di trovare una risposta, nella speranza di poter riuscire a ricostruire le tappe fondamentali di un’evoluzione che ha dato vita al mondo dei media per come lo conosciamo oggi. 

"Se Telefonando", il nuovo podcast di Marco Salvati sulle telefonate che hanno cambiato il panorama dello show business nostrano

Lo storytelling è il nostro hobby, la nostra passione. – ha spiegato Salvati – Il mondo dei podcast è pieno di fuffa post adolescenziale, noi proveremo a produrre contenuti insieme a Dr.Podcast che sappiano distinguersi da questa offerta senza forma, ora e anche le prossime stagioni, concentrandoci soprattutto sulle storie. Questa volta raccontiamo le telefonate che hanno fatto la storia, non solo perché sono interessanti ma perché non lo ha fatto nessuno.”

Un progetto ambizioso, dunque, che sembra avere un futuro già scritto. Tutti noi, in fondo, abbiamo ricevuto almeno una telefonata in grado di cambiarci la vita. Ma ci sono telefonate che sono andate oltre, capaci di far tremare regni, di regalare imperitura gloria, di smascherare inganni. In altre parole, in grado di cambiare il mondo. Dal Tampongate di Carlo e Camilla all’eterna diatriba fra Alexander Graham Bell e Antonio Meucci fino agli scherzi ai danni del Magnotta, infatti, “Se telefonando” racconterà le telefonate più celebri, quelle che – in un modo o nell’altro – hanno fatto epoca. 

Da Meucci al Tampongate

Nel suo episodio di esordio la serie ha affrontato l’annosa questione: chi ha inventato davvero il telefono? E soprattutto, cosa è stato detto nella prima telefonata mai fatta? La prima puntata, quindi, ha indagato e decretato finalmente un vincitore fra il geniale ma spiantato Antonio Meucci ed il capace, ma paragnosta, Alexander Bell. In quelle successive, invece, la serie ha fatto numerosi richiami ai primi scherzi telefonici dei primi anni ’80 che fecero di Mario Magnotta il primo personaggio virale della storia, fino ai retroscena delle telefonate fra l’erede al trono britannico e la sua amante Camilla, con ardite metafore sessuali e molto altro ancora.

Dalle canzoni al telefono al telefono in tv

Difatti, le telefonate hanno indubbiamente influenzato il mondo della musica e della televisione. Da “Se telefonando”, che dà il titolo al podcast, fino a Max Gazzè, passando per Elio e le storie Tese, “Buonasera dottore” e i Kraftwerk, nel suo quarto episodio la serie ha priposto un viaggio musicale attraverso le più famose canzoni che hanno avuto per protagonista lui: il telefono. E per quel che riguarda i restanti cinque episodi? Sicuramente, si dibatterà sul binomio “realtà-finzione” e “telefonata vera o geniale scherzo”, un po’ quello che si sono chiesti in molti assistendo alla delirante conversazione tra Paolo Bonolis e i due fratelli pescivendoli che, in una puntata del programma Tira e molla, cercarono di rispondere a una sua semplicissima domanda.

E ancora, ci sarà spazio per “Pronto Raffaella” della Carrà, senza dimenticare il crudele crudele scherzo fatto a Sandra Milo o la risposta di un’ingenua signora all’indovinello posto da Antonella Clerici. Oppure, Radio Parolaccia, la segreteria telefonica di Radio Radicale, i cui messaggi erano mandati in onda senza alcun filtro (grazie ai quali venne fuori il ritratto di un’Italia aggressiva, sessista, razzista, e soprattutto senza peli sulla lingua) e molto altro ancora. 

Diego Lanuto

Scritto da Diego Lanuto

Classe 1996, studente laureando in "Lingue, Culture, Letterature e Traduzione" presso l'Università di Roma 'La Sapienza'. Appassionato di scrittura, danza, cinema, libri e molto altro, nel corso degli anni ha collaborato con diversi siti e testate giornalistiche on line tra cui Metropolitan Magazine, ATuttoNotizie, M Social Magazine e Spyit.it. Ha scritto alcuni articoli per la testata giornalistica cartacea ORA Settimanale. Ha curato progetti in qualità di addetto stampa. Attualmente è redattore presso la testata giornalistica Vanity Class e addetto stampa del progetto "L'Amore Dietro Ogni Cosa - Andrea Crimi canta Simone Di Matteo".

Nudi è meglio, parola di Nina Palmieri

La "Porta della Birra" a Pilsen, ingresso al birrificio Pilsner Urquell

Pilsen: tanta birra e itinerari inediti nella Boemia occidentale