in

Una voce che supera i confini

Wang Huandong, il Baritono che unisce Oriente e Occidente.

Una voce che supera i confini

Una voce che supera i confiniIl rinomato baritono Wang Huandong, figura di spicco nel panorama dell’opera lirica internazionale, continua a incantare gli appassionati di musica classica con la sua straordinaria voce e la sua dedizione all’arte.

Con una carriera che spazia dalle aule del Conservatorio Centrale di Pechino fino ai prestigiosi palcoscenici italiani ed europei, Huandong rappresenta un esempio di eccellenza e di passione per la musica lirica.

Una voce che supera i confiniWang Huandong, dopo essersi diplomato nel 2002 al dipartimento di opera vocale del Conservatorio Centrale di Pechino, ha rapidamente guadagnato riconoscimenti internazionali.

Tra i suoi successi spiccano il secondo premio al 17° Concorso Internazionale di Canto Aitep in Italia nel 2010 e al 66° Wales International Music Festival Vocal Competition nel 2012.

Una voce che supera i confiniLa sua carriera in Italia ha visto Huandong esibirsi in numerose produzioni di spicco, conquistando il pubblico e la critica.

Come solista ha interpretato ruoli chiave in opere come: “La Traviata”, “Tosca”, “Il Trovatore”, “Un Ballo in Maschera”, “Lucia di Lammemor” e molte altre, dimostrando un’impressionante versatilità e profondità interpretativa.

Oltre a essere un esecutore di eccezionale talento, Wang Huandong è anche un apprezzato educatore.

Una voce che supera i confiniAttualmente ricopre il ruolo di consulente didattico di canto lirico presso il Conservatorio Statale di Musica di Potenza, dove conduce ricerche sul rapporto tra tecniche di canto belcantistico e compositori dell’età dell’oro italiana.

Un aspetto fondamentale della formazione di Huandong è stato il suo studio sotto la guida del leggendario tenore Angelo Lo Forese a Milano

E’ stata un’esperienza che ha ulteriormente perfezionato la sua tecnica vocale e interpretativa, lasciando un’impronta indelebile sul suo stile e sul suo approccio all’arte lirica.

Una voce che supera i confiniTra i commenti elogiativi ricevuti, spiccano le parole del direttore della Royal Academy of Music di Londra, Hirvo Surva.

Ha definito Huandong come avente “un ottimo timbro baritono, molto meticoloso nel canto, specialmente nella parte culminante.”

Anche il famoso direttore d’orchestra Richard Bonynge ha espresso grande stima per Huandong:

“Un musicista con un notevole livello estetico di musica sonora, che coincide sempre con la mia estetica giudicante.”

Wang Huandong, in qualità di membro della Music Copyright Society of China, ha mostrato il suo talento anche come compositore.

Ha composto 8 canzoni d’arte: “L’amore si ferma al bivio”, “La sagra della primavera”, “Il bosco è stato completato”, “Lascia che l’amore vaghi qualche chilometro in più”, “La riva del cuore”, “L’amore non c’è più”, “Anni dopo” e “L’ultima cena”.

Una voce che supera i confiniQueste composizioni sono state riconosciute e incluse nelle opere musicali dell’Ufficio municipale del copyright di Pechino, affermando il suo ruolo di influente creatore nel panorama musicale.

Il suo contributo al mondo dell’opera si evince dai numerosi premi, non ultimo nel 2022 “Una vita per l’Opera” al Festival Lirico Trisulti all’Opera, a Roma

E dalle relazioni professionali intessute con di figure di spicco nel campo della musica classica, tra cui il maestro Vittorio Terranova e M. Venturi Lino, consulente artistico dell’Arena di Verona.

Il baritono Wang Huandong non è solo un artista di straordinario talento, ma anche un ambasciatore della cultura lirica, un ponte tra Oriente e Occidente che continua a ispirare e influenzare il mondo dell’opera.

Per maggiori informazioni su Wang Huandong e le sue prossime esibizioni, seguite il profilo Facebook del baritono: @Wang Huandong. 

Francesca Lovatelli Caetani

Scritto da Francesca Lovatelli Caetani

L'autore non ha ancora aggiornato la sua biografia.

Sviluppi futuri dell’inflazione e della politica monetaria