in

Premio Top Communicator of the Year, vince la comunicazione!

Al Premio Top Communicator of the year la targa agli eccellenti comunicatori

Premio Top Communicator of the Year, vince la comunicazione!

Al Premio Top Communicator of the Year del ClubMC sono state assegnate nei giorni scorsi alcune targhe ai migliori comunicatori. Difatti, nel mondo di oggi la comunicazione è sempre più importante e lo testimonia proprio l’evento in questione. Sono molti coloro che sono stati premiati. Chi per i propri meriti, chi per il talento, chi per le strategie e molto altro ancora. 

Premio Top Communicator of the Year: ecco i premiati

Ecco l’elenco dei premiati. Si tratta di personalità legate al mondo della comunicazione e di esperti del settore che del loro modus operandi ne hanno fatto un modello. Tra questi, ad esempio, ci sono Luciano Fontana, direttore Corriere della Sera, e Paolo Liguori direttore editoriale TGCom24. Ma non solo. Anzi, basti pensare a Fernando Proce di Radio 101, a Giuseppe Brindisi  conduttore storico del Tg4 e di Zona Bianca. Oppure a Angelo Macchiavello inviato di guerra Mediaset e Fabrizio Pregliasco fra gli altri.

Per quel che riguarda i meriti, invece, abbiamo:

  • Responsabilità per Giuseppe Brindisi, Verità per Piero Chiambretti
  • Sostenibilità Nutrizionale per Giorgio Santambrogio
  • Correttezza per Fabrizio Pregliasco, Educazione per Alberto Brandi

Premio Top Communicator of the Year, vince la comunicazione!

  • Coerenza per Luciano Fontana, Serietà per Marino Bartoletti
  • Leggerezza e Spensieratezza per Paolo Liguori
  • Trasparenza per Angelo Perrino, Semplicità per Angelo Macchiavello
  • Immediatezza per Luca Levati,  Bellezza per  Miky Degni, Libertà per Fernando Proce
  • Ascolto per Germano Lanzoni, Umorismo per Zap e Ida
  • Cultura e Impegno per Andrea Zucca, Affidabile per Gaspare Borsellino
  • Coadiuvante Terapeutica per Giampietro Comolli, Sensibilità per Biagio Maimone

Un grande imprinting culturale quello apportato dai vincitori esperti comunicatori che, ognuno con le proprie personali parole chiave, identificano e stanno identificando la comunicazione del futuro.

Premio Top Communicator of the Year, vince la comunicazione!

Il premio alla comunicazione

Insomma, la comunicazione è stata premiata e, con essa, i suoi più autorevoli interpreti. L’evento si è svolto nell’Università Meier ed è stato organizzato dal Club del Marketing e della Comunicazione,  in collaborazione con Party Round Green. A tal proposito il Presidente Danilo Arlenghi, in veste di padrone di casa, dando inizio alla cerimonia ha affermato che:

La comunicazione è vita, la vita è comunicazione. Ruota attorno a noi 24 ore su 24. Dunque la comunicazione è la struttura portante delle relazioni professionali e dell’agire umano. Coloro che ne sono espressione massima hanno ricevuto  l’autorevole riconoscimento dal ClubMC“. 

Premio Top Communicator of the Year, vince la comunicazione!

Per quel che riguarda le assegnazioni dei premi, tante manager in rosa si sono alternate nel corso della manifestazione. Tra queste, ci sono Cristina Cossa, Direttore Marketing Rigoni di Asiago, Miriam Forte, Presidente Gruppo Miriam Forte Consulting. Ma non sono state le uniche. Infatti, insieme a loro c’erano anche Marilena Manzoni, Comunicazione Marketing Unicredit, e Laura Adami.

Premio Top Communicator of the Year, vince la comunicazione!

L’elenco dei premiati presenti

Infine, ecco l’elenco completo di coloro che si sono aggiudicati meritatamente un tale riconoscimento:

  • Giuseppe Brindisi: conduttore TG4 Zona Bianca Rete 4, giornalista – giornalismo cronaca.
  • Fabrizio Pregliasco noto  – medico virologo – per la categoria divulgazione medica.
  • Piero Chiambretti  – conduttore tv – per la categoria conduzione televisiva sportiva brillante “umoristica”.
  • Luciano Fontana dir Corriere della sera – per la categoria quotidiani nazionali.
  • Marino Bartoletti  – Giornalista, divulgatore. Professore universitario e scrittore premiato per la categoria Informazione Nazionale.
  • Simone Rugiati – chef e conduttore televisivo culinaria – per informazione e divulgazione gastronomica e culinari.
  • Miky Degni – artista e pubblicitario titolare agenzia SegniDegni per comunicazione non convenzionale.
  • Alberto Brandi dir Mediaset Sport– giornalista, conduttore tv per la categoria giornalismo e conduzione programmi sportivi
  • Paolo Liguori dir editoriale TGCOM 24 , giornalista , opinionista – per categoria direttori telegiornale
  • Gianluigi Nuzzi Rete 4 . giornalista cond tv per giornalismo tv di inchiesta –
  • Angelo Perrino direttore Affaritaliani.ii giornalista per categoria Quotidiani on line
  • Germano Lanzoni – Protagonista Film “Mollo tutto e apro un ciringhito Attore – per categoria
    cinema
  • Angelo Macchiavello Mediaset inviato di guerra – per il giornalismo di guerra
  • Gaspare Borsellino direttore Italpress  – per Agenzie di Stampa
  • Fernando Proce conduttore R101 , speaker per Radio Nazionali
  • Giorgio Santambrogio Amministratore delegato Gruppo Vegè – per comunicazione B2C
  • Giampietro Comolli – docente editorialista Vite eVino, esperto tutela prodotti Dop e Igp
  • Per comunicazione e consulenza enologica – MARILENA MANZONI marketing Unicredit
  • Zap e Ida comunicatori umoristici – vignettisti –  per categoria vignette
  • Andrea Zucca Presidente gruppo L’Ippogrifo per comunicazione e marketing B2B
  • Luca Levati Radiolombardia , giornalista conduttore rado . per Radio locali
  • Biagio Maimone ( standing ovation) –Marketingjournal.it e Maimone Communication per uffici stampa

I Premiati assenti

Di contro, infine, alcuni non si sono presentati alla premiazione, sebbene avessero comunque ottenuto un riconoscimento. Tra gli assenti, dunque, ci sono Paolo Mieli, giornalista opinionista e divulgatore per la conduzione televisiva sulla Storia. Peppe Vessicchio – maestro musica per comunicazione musicale. Bobo Vieri – campione di calcio per la vincente comunicazione sportiva sui social. Alessandro Cecchi Paone e Michele Scognamiglio – Professore Universitario, giornalista, scrittore, biochimico.

Redazione

Scritto da Redazione

La redazione di VanityClass.

Made in Portugal, la mostra al Tortona Design Museum

Lo scopone scientifico (1972) | Cinema Sommerso