in

Segreti (Jocelyn Moorhouse, 1997) | Cinema Sommerso

Segreti (A Thousand Acres) di Jocelyn Moorhouse, una pellicola del 1997 protagonista della nuova uscita di Cinema Sommerso

Segreti. La famiglia Cook ha sempre basato la propria vita su due principi: la terra e il lavoro. A fare da collante di questa grande tenuta di mille acri è il patriarca Larry (Jason Robards), uomo di altri tempi e molto legato alla sua fattoria. Per non essere costretto a pagare le imposte di successione e veder così smembrata la sua immensa proprietà, l’anziano signore, molto rispettato e amato dagli abitanti della cittadina, decide di ripartire il tutto con le tre figlie: Ginny (Jessica Lange), sposata con Ty (Keith Carradine), ma senza figli, e molto legata alla sorella Rose (Michelle Pfeiffer), che invece ha due figlie ed è sposata con Peter Lewis (Kevin Anderson), alcolista e manesco.

Segreti (Jocelyn Moorhouse, 1997) | Cinema Sommerso
Segreti – Poster Ufficiale del film

La donna, dall’animo forte e caparbio, ha subìto da poco una mastectomia e sta lottando contro il cancro. Ciò nonostante, non perde la sua voglia di lottare e di sconfiggere la malattia. Caroline (Jennifer Jason Leigh), la più piccola delle sorelle Cook, fa l’avvocato e si è trasferita in città da anni. Alla notizia di voler cedere le quote della proprietà, la famiglia rimane contenta sebbene sembri più una felicità legata ai mariti delle sorelle Cook. Costoro, infatti, finalmente potranno adottare una serie di migliorie alla grande tenuta senza il benestare del patriarca Larry. L’unica a mostrare rimostranze e ad essere estromessa dalla quota è proprio Caroline. La donna si convince che il padre sia stato in qualche modo raggirato a causa di una demenza senile allo stadio iniziale. Durante una notte di pioggia, l’uomo si reca a casa delle figlie e inveisce contro di loro trattandole in modo atroce.

Segreti (Jocelyn Moorhouse, 1997) | Cinema Sommerso
Michelle Pfeiffer, Jessica Lange, Jason Robards, Jr., Jennifer Jason Leigh, Colin Firth

A complicare ulteriormente la situazione vi è il ritorno di Jess (Colin Firth), il grande amore di Ginny. Le prime incrinature dello specchio iniziano ad emergere. Tutti i dissapori. Tutte le cose non dette. E soprattutto, i mostri sotto il letto prendono forma spezzando per sempre quella finta tranquillità tipica delle famiglie americane che fino a quel momento aveva aleggiato in casa Cook.

Segreti, un film cult direttamente da un best-seller

La regista australiana Jocelyn Moorhouse riprende il romanzo best seller della scrittrice statunitense Jane Smiley. Intitolato La casa delle tre sorelle (1991), l’autrice vinse il Premio Pulitzer per questo libro. Si tratta di un’opera unica, un dramma dalle tinte forti e dai dialoghi taglienti. Il rapporto tra le sorelle Cook viene nel film della Moorhouse quasi esasperato e il tutto diviene una sorta di Re Lear al femminile.

Segreti (Jocelyn Moorhouse, 1997) | Cinema Sommerso
A Thousand Acres (1997)

Emozioni all’estremo

La pellicola sfrutta la bravura delle tre donne che riescono a mettere in mostra una gamma di emozioni e soprattutto di frustrazioni: il dolore per non aver avuto figli, il tumore e la violenza domestica e sessuale. I ricordi delle molestie subite da ragazzine tornano alla mente delle protagoniste insieme agli odori di tabacco e di stalla aumentando sempre di più quell’empasse emotivo che pervade tutto il film. La rabbia e il rancore uniti al forte legame delle due sorelle maggiori sono i veri protagonisti di questo toccante e intenso film. Purtroppo all’epoca, la pellicola passò in Italia quasi in sordina nel 1997 anche a causa della stroncatura della critica cinematografica e di un evidente fiasco al box office. Ciò nonostante, l’interpretazione delle attrici è più che credibile e ben calibrata.

La Lange riesce quasi sempre a mantenere viva l’attenzione dello spettatore sebbene il più delle volte non riesca, forse volutamente, ad esprimere tutta la rabbia nei confronti del padre-padrone che ha dentro. A bilanciare il tutto e a fare da controparte vi è la Pfeiffer che costruisce il suo personaggio come una combattente che non ha paura di ribellarsi alle angherie e alle violenze paterne. Urla al mondo intero e soprattutto alla sua famiglia tutto l’odio e il rancore e gli anni di violenza sebbene nessuno sia disposto a crederle. La meno credibile del gruppo rimane la Leigh un po’ fuori parte nonostante riesca a sostenere il confronto con le due grandi prime donne del film.

Un film non facile da digerire ma che merita a mio parere di essere recuperato e rivalutato a distanza di oltre venti anni perché al di là delle tematiche sempre attuali che possono riguardare tante famiglie moderne si avvale di un ottimo cast (prettamente femminile) supportato da momenti climax basati su dialoghi profondi e riflessivi e sugli sguardi tristi delle protagoniste. La regista però lascia aperto un piccolo spiraglio di luce. Alla fine del tunnel nero ciò che rimane forse è il desiderio di rivalsa e di superamento dei traumi del passato grazie ad una sola cosa: la speranza. Buona visione.

Segreti (Jocelyn Moorhouse, 1997) | Cinema Sommerso

Adele è tornata, con il nuovo emozionante singolo: “EASY ON ME”

La Posta Degli Spostati: mai rinunciare a scoprire!

La Posta Degli Spostati: mai rinunciare a scoprire!