in

Lucia Lo Palo, manager e umanista

Solidarietà, entusiasmo e impegno nella tutela dei diritti dei bambini

 

Lucia Lo Palo, manager e umanista

Lucia Lo Palo, manager e umanistaLucia Lo Palo, manager impegnata sul fronte dele ESG e nella trasformazione energetica ambientale, in piena compatibilità con l’economia e soprattutto con le istanze del futuro.

Ma è soprattutto donna e madre, umanista e impegnata nella tutela dei diritti dei bambini.

settore della sostenibilità sociale, umanista e impegnata nella tutela dei diritti dei bambini.

Si definisce essa stessa “paladina” nell’accezione più nobile del terrmine: nel senso cioè che non esita a gettarsi con entusiasmo nelle tematiche che le stanno a cuore, senza tentennamenti o dubbi.

Tutto per taggiungere gli obiettivi di alro profilo che si prefigge.

Insieme a lei i suoi collaboratori, giovani e meno giovani, accomunati dagli stessi sentimenti di solidarietà ed efficienza, si impegnano quotidianamente sul territorio di Milano e provincia.

Lucia Lo Palo, manager e umanistaLucia Lo Palo, manager e umanista

Sostenitrice della nostra identità storica, propugna un nuovo umanesimo europeista nell’ambito dei valori cristiani.

“La storia c’insegna che sono i grandi punti di rottura che spingono le persone a ripartire cambiando direzione come un’onda sinusoidale che lenta e inesorabile si ripete” -ci dice come prima cosa

Quali sono i punti di rottura cui si riferisce?

“Il covid 19 ha reso evidente la nostra fragile umanità di fronte alla potenza della natura che reagisce ai nostri tentativi di dominio arrogante e privo di prospettiva. 

Ma ci ha anche restituito la consapevolezza della nostra animale capacità di resistenza attraverso la scienza e l’intelligenza.

L’umanità ha la grandiosa capacità di adattarsi e di reagire rialzandosi in fretta utilizzando la solidarietà e la comunità”.

Quali sono gli aspetti più significativi del suo concetto di resilienza?

“Rialzarsi significa risorgere con maggiore consapevolezza, anche spirituale, del valore rivoluzionario dell’amore verso il prossimo.

Abbiamo ritrovato il valore fondamentale della famiglia, primo ed essenziale luogo d’educazione e di comunione, di costruzione della strategia individuale e collettiva per la sopravvivenza dell’umanità.”

Come fa a conciliare i suoi notevoli impegni professionali con la vita privata? Lei è anche madre di quattro figli …

“Sono proprio i miei figli la fonte principale della mia vitalità.

E’ paradossale pensarlo, ma quando hai una famiglia numerosa, oltre ad avere perennemente un booster nei ragazzi, hai anche l’energia per seguirli ed il loro supporto stesso.

E’ una piccola azienda produttiva la famiglia, dove ognuno ha i suoi precisi compiti …. Il carburante ha un solo nome: Amore”.

Lei è molto impegnata nel sociale. Qual è la sua visione?

Il rispetto, come categoria assoluta, è la parola chiave per uscire dalle contraddizioni di uno sfruttamento del Creato da parte delle ragioni del profitto fine a se stesso.

La visione ‘umana’, che muove me e i miei collaboratori, vuole demonizzare l’individualismo delle persone e delle nazioni; guarda alla centralità della persona e in particolare dei bambini.

Non ci stancheremo mai di ripetere che i bambini sono il nostro futuro. Non è un mantra retorico, ma una nostra profonda convinzione”.

In effetti abbiamo notato che le tutela dei diritti dei bambini è uno dei punti chiave del suo impegno sociale…

“Ho molto apprezzato l’insegnamento di don Giussani.

I giovani sono l’eredità del nostro umano passaggio, la loro educazione è il nostro punto cardine, seguirli e proteggerli è la nostra priorità assoluta.

Sono per noi la chiave di volta per un restart, un nuovo umanesimo europeista che sulla strada tracciata da De Gasperi, Schuman e Adenauer, restituisca speranza ai nostri sogni”.

 

 

 

 

Redazione

Scritto da Redazione

La redazione di VanityClass.

Images

Images (1972) | Cinema Sommerso

Molestie olfattive

Molestie olfattive: quando il vicino puzza troppo | Voce al Diritto