in

ALEXANDER 1910 INSERITO NEL REGISTRO DEI MARCHI STORICI NEL MONDO

Alexander 1910 è stato inserito dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy come marchio storico.

ALEXANDER 1910

Alexander 1910 è un marchio storico, uno di quei brand immortali che riescono ad attraversare i lustri, i decenni, a scavalcare i secoli mantenendo inalterato il fascino e l’allure che li circonda.
Un’Alexander 1910 è qualcosa di più di una semplice scarpa: è un pezzo di storia della calzatura; per questa ragione il brand è appena stato inserito, dopo attenta analisi da parte del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, nel registro dei marchi storici in Italia e nel mondo: è uno dei primi marchi di calzature a far parte di questo registro.
Sono tre gli ingredienti fondamentali del suo successo. L’artigianalità: la scarpa italiana fatta a mano; la qualità: la scarpa di lusso attenta ai dettagli; l’originalità: il rosso della scarpa Made in Italy.
La storia di ALEXANDER 1910 è importante sotto vari aspetti, a partire dalla rivoluzione della stringa. Nel 1910 un calzolaio inglese di nome Frank Alexander mise a punto una piccola grande invenzione: le stringhe per le scarpe da uomo. Fino ad allora le scarpe venivano infatti chiuse dalla tipica allacciatura laterale a bottoni, in voga da secoli ma non più al passo coi tempi. L’uomo elegante di allora aveva infatti bisogno di qualcosa di più pratico, meno soggetto a usura e più sicuro nella calzata: la scarpa stringata di Alexander 1910 rispondeva a tutti questi requisiti ed ebbe subito un grande successo.
Seguono le prime, e originali, suole Rosso Carminio: Alexander 1910 mise a punto una particolare vernice protettiva color Rosso Carminio che, applicata alle suole, non solo rendeva più resistenti le scarpe fatte a mano, ma conferiva loro anche un tocco di classe e originalità che non mancò di incontrare il gusto dei gentlemen e degli “influencer” dell’epoca. Tra questi, anche Rodolfo Valentino, il celebre attore, che ne acquistò diverse paia e che contribuì a rendere celebre il marchio.
Il successo lo porta alla svolta italiana: negli anni Trenta le scarpe da uomo Alexander 1910 iniziano a essere esportate in buona parte d’Europa, compresa l’Italia, dove incontrarono ampio successo. In quel periodo, secondo i principi della politica economica dell’epoca, era però vietato commercializzare marchi che non fossero italiani (o italianizzati): un calzaturiero toscano pensò allora di comprare direttamente la griffe e di iniziare a produrre le scarpe artigianali con la suola Rosso Carminio direttamente in Italia. Era il 1936: da allora Alexander è un marchio made in Italy a tutti gli effetti e, ai giorni nostri, è ancora garanzia di qualità e di stile, sempre ben riconoscibile dal tocco di Rosso Carminio che caratterizza ognuno dei suoi modelli.
Le collezioni comprendono oggi una proposta completa che spazia dalle sneakers agli stivaletti, dai mocassini alle stringate, dai polacchini alle Derby.ALEXANDER 1910 INSERITO NEL REGISTRO DEI MARCHI STORICI NEL MONDOIn concomitanza a Pitti Immagine e alla Milano moda uomo, che mettono in risalto le novità dedicate all’universo maschile, importante è sottolineare i nuovi modelli del marchio:
– LATEMAR: L’eleganza e la sportività unite in un’unica calzatura dall’inconfondibile stile Alexander 1910. Una scarpa d’eccezione, concepita per rendere accessibili tutte le tipologie di terreni mantenendo la grazia e l’eleganza al primo posto. La grinta di questo modello caratterizzata dal battistrada carrarmato in gomma Vibram si contrappone alla cura nei dettagli alla pelle anticata a mano con cucitura imbottita sulla vaschetta, creando una perfetta armonia degli elementi.
– LATEMAR POLACCO: è l’essenza di Alexander 1910 con 5 fori accompagnati da due ganci passalacci in pelle di vitello anticata a mano.
Questa calzatura coniuga perfettamente l’eleganza della cucitura imbottita sulla vaschetta e l’ardore sfacciato del carrarmato in gomma Vibram adatto in qualsiasi occasione, anche all’avventura. Questa scarpa di coniugazione casual/chic ha la pretesa di sintetizzare tutto quello che rappresenta il brand grazie alle sue molteplici lavorazioni a mano, realizzate con cura dai nostri artigiani italiani.
– DERBY BRITISH: fiore all’occhiello della nuova collezione si caratterizza per
Bond Street: la stringata Oxford Brogue interpretata da Alexander 1910 in un mix di elementi stilistici e costruttivi innovativi quali il colore, il design, il morbido pellame a finitura lucida e la suola leggera in Vibram con grip.
La rivisitazione di un classico per creare una calzatura pratica e adattabile con stile a diversi outfit, dal più elegante al casual sportivo.
Suola Vibram: conferisce modernità, leggerezza, flessibilità ma anche resistenza e una migliore impermeabilità alla scarpa.
Mascherina a wingtip con brogue: la decorazione con brogue (punzonatura) sulla mascherina a wingtip (forma di coda di rondine) costituiscono una lavorazione tradizionale per le intramontabili calzature modelli Oxford e Derby.
Alexander 1910 si conferma un brand capace di mantenere la storicità del suo DNA pur sapendo proiettarsi nel futuro.
www.alexander1910.com

ALEXANDER 1910 INSERITO NEL REGISTRO DEI MARCHI STORICI NEL MONDO

ALEXANDER 1910 INSERITO NEL REGISTRO DEI MARCHI STORICI NEL MONDO

Valentino Odorico

Scritto da Valentino Odorico

Valentino Odorico, giornalista di moda scrive per numerose testate internazionali di settore. Produttore di servizi fotografici per fashion magazine è un volto noto anche del piccolo schermo. Da anni conduce programmi per la televisione Svizzera e recentemente ha anche curato una propria rubrica sulla moda ecosostenibile su Tv8, nel programma "Ogni Mattina" condotta da Adriana Volpe.
E' autore e conduttore del programma "Rosso Valentino" sul canale nazionale GO-TV sul 63 del digitale terrestre. Attualmente sono in fase di realizzazione anche nuovi format e progetti televisivi. E' anche fondatore ed amministratore delegato della NAZCA, società internazionale di comunicazione specializzata nel segmento lifestyle.

Will Busetti: “Ci vediamo a Sanremo”

Ernst Knam e Frau Knam: “Vi aspettiamo al Sigep”