in

“Rasti”: cavallo nel ranch

Il cavallo di 19 anni racconta le esigenze del mondo equino

Milano 30 maggio 2021. Il sole è alto e splende questa domenica. Sento schiamazzi di bambini al di la della scuderia, un odore di pane caldo probabilmente appena sfornato. Lo immagino caldo all’interno con la sua mollica e croccante nel rivestimento della sua crosta. Sicuramente verrà deliziato nelle tavole con del burro e della marmellata scura di lamponi, come solito del ranch. Ah che sbadato non mi sono presentato sono “Rasti” un cavallo di 19 anni, si lo ammatto posso dire di essere “adulto” ma dentro mi sento un giovane puledro. In fin dei conti il mio padrone dice sempre a sé stesso “ognuno ha gli anni che si sente di avere” ed ha ragione non posso dargli contro. Siamo uguali.

“Rasti” il cavallo

Tornando a noi, abito in un magnifico ranch con altri amici inclusi animali di altro genere, cani, gatti, oche quelle poi ve le raccomando… insopportabili. Mangio ottimo fieno tutti i giorni, dormo caldo e comodo nel mio box di legno ideato e costruito tutto dal mio padrone sapete? All’interno ho il mio beverino e ho a disposizione tutto per me anche un paddock! Sono un piccolo lord che vive beato con i suoi vizi e agevolazioni. Vengo spazzolato ogni giorno. Pulito da cima a fondo e quando viene la piccola “lulù” figlia del padrone mi fa anche delle bellissime trecce che rendono più ordinata la mia criniera.

Il cavallo e le sue esigenze

Oggi vorrei parlarvi un po’ di noi, noi cavalli. Dovete sapere che come voi abbiamo dei bisogni da dover soddisfare come appagamento fisico per la sopravvivenza, sentirci al sicuro e parte integrante di un gruppo essendo come l’essere umano un animale che si è evoluto in gruppo. Inoltre vogliamo avere stima di noi stessi e sentirci realizzati. Tutti questi bisogni devono in qual modo essere soddisfatti altrimenti possiamo dire che ci limitiamo alla sopravvivenza compromettendo il nostro equilibrio psichico. Per poter arrivare alla vetta del soddisfacimento equino c’è dunque da dire che la solitudine è di intralcio ad essa. Vivere da soli in paddock e passare le giornate in solitudine non farà mai arrivare noi cavalli a sentirci parte integrante di un gruppo e dunque essere veramente felici. Stringere legami, incontrare compagni di gioco, far parte di un branco.. è la vita ed è vita anche per noi.

Conseguenze

La mancanza di tutto questo ha portato molti miei amici a stati di stress, problemi fisici o addirittura comportamentali o addirittura all’apatia e penso sia poco piacevole anche per voi padroni vederci così. Dunque tenete a mente le mie parole e i miei consigli perché è di vitale importanza ascoltarci lo meritiamo, tutti. Un bacio lettori passate una buona domenica, spero ricca di risate e di fieno anche per voi.

Rasti

Ginevra Giacchini

Scritto da Ginevra Giacchini

Nasce a Roma, il 13 di giugno sotto il segno dei gemelli.
Determinata, solare e comunicatrice da sempre sin dai tempi del liceo. Si laurea nel 2020 in economia indirizzo-gestione aziendale, presso l’ateneo romano LINK CAMPUS UNIVERSITY con una tesi di laurea in pianificazione marketing aziendale.
Dopo gli studi intraprende un’esperienza lavorativa in ambito cinematografico, affiancando in toto tutto il reparto regia del set, ed oggi è pronta con il suo estro a dare colore a delle pagine bianche.
Ama viaggiare, dipingere e suonare il piano sin dall’età di 8 anni. Secondo la sua ottica è un metodo terapeutico per scaricare tutto lo stress.
Caratteri particolari? altruista, caparbia e un po’ saccente.
Salve a tutti, io sono Ginevra Giacchini.

su più di 200 digital store “Come Sale”, il settimo lavoro discografico di Ignazio Deg contro l’omofobia.

Ignazio Deg, “Come Sale” fuori dal 28 maggio

LA VALIGIA DELL’ATTORE 2021: Pif conduce il festival, Isabella Ragonese il ValigiaLab