in

Un Dono alla Città di Milano

Con Enzo Avitabile e I Bottari di Portici feat.Tony Esposito e Peppe Servillo

Un Dono alla Città di Milano

Un Dono alla Città di Milano
Enzo Avitabile & Peppe Servillo Duet
2022
Teatro Comunale di Caserta

Giovedì 15 dicembre, ore 21, in occasione della Stagione 2022/2023 – “Tutti insieme possiamo”

Protagonisti del tradizionale Dono di No’hma, giovedì 15 dicembre, Enzo Avitabile e i Bottari di Portico. Ospiti speciali del concerto Tony Esposito e Peppe Servillo.

Un Dono alla Città di Milano
Enzo Avitabile & Peppe Servillo Duet
2022
Teatro Comunale di Caserta

Giovedì 15 dicembre, ore 21, No’hma consegnerà finalmente il suo consueto Dono alla cittadinanza di Milano: Enzo Avitabile e I Bottari di Portici saranno le star del concerto serale

Un Dono alla Città di Milano
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sarà ospitato all’interno dell’Adriano Community Center, nel Quartiere Adriano.

L’atteso Dono alla Città di Milano è diventato ormai parte della tradizione natalizia di molti cittadini, con i quali il Teatro diretto da Livia Pomodoro celebra da anni il periodo festivo

Un Dono alla Città di MilanoE lo fa organizzando un importante evento dicembrino, appuntamento di grande richiamo in virtù dei rinomati ospiti che, immancabilmente, sono chiamati a esserne protagonisti.

Dopo l’intenso concerto dell’artista isaeliana Noa nel 2021, quest’anno a farla da padrona sarà la musica campana con il napoletano Avitabile

Un Dono alla Città di MilanoSarà in felice sodalizio con il gruppo di percussionisti de I Bottari, collaborazione che prosegue dal 2004; entrambi saranno accompagnati dai musicisti della Black Tarantella Band.

Enzo Avitabile, classe 1955, è l’artista italiano simbolo della contaminazione tra generi e maestro assoluto del groove

Un Dono alla Città di Milano
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel corso della sua lunga carriera ha duettato con star come James Brown e Tina Turner.

I Bottari di Portico portano sul palco botti, tini e falci con cui cadenzano antichi ritmi processionali che rimandano ad antiche tradizioni contadine.

Anche il musicista e cantautore Tony Esposito e il cantante, compositore, attore e sceneggiatore Peppe Servillo hanno offerto la loro partecipazione a questa prestigiosa serata

Un Dono alla Città di Milano
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’evento sarà ospitato all’interno della cornice dell’Adriano Community Center.

Collocare il concerto all’interno dell’Adriano Community Center, un community hub, è parte del progetto di rigenerazione urbana che interessa la zona

E testimonia con grande coerenza la natura fortemente sociale dell’impegno culturale dello Spazio Teatro No’hma.

Il centro, collocato nel cuore del quartiere milanese in via d’espansione, è un luogo polifunzionale che ospita una RSA per anziani e per disabili

E propone un modello di integrazione unico tra spazi di cura e luoghi aperti di cultura, relazione e socialità.

È con grande orgoglio che il Teatro di Via Orcagna porta la propria proposta artistica di alto livello in un luogo che, proprio come No’hma, parla di inclusione

E facendo propria una tipologia di welfare culturale il più possibile solidale nei confronti delle fragilità e della diversità

Una filosofia, del resto, che è parte del DNA dello Spazio Teatro diretto da Livia Pomodoro

Uno spazio aperto dove cultura e bellezza sono e continueranno a essere un patrimonio dell’intera collettività.

Un Dono alla Città di Milano

Voce e sax tenore:

Enzo Avitabile

Con la partecipazione straordinaria di:

Tony Esposito

Peppe Servillo      

Accompagnati da:

chitarra:

Gianluigi Di Fenza

Batteria

Mario Rapa

Tastiere

Diego Carboni

Basso

Paolo Palmieri

Sax contralto

Antonio Bocchino

Tromba

Carmine Pascarella

Con I Bottari di Portico

Carmine Romano (capopattuglia)

Massimo Piccirillo (tino)

Francesco Stellato (tino)

Luigi Natale (tino)

Carmine Piccirillo (falce)

Raffaele Iodici (botte)

Antonio Piccirillo (botte)

 

 

 

 

 

 

 

 

Redazione

Scritto da Redazione

La redazione di VanityClass.

Cresce la richiesta di prestiti da parte delle famiglie

Ruffini, quel bravo “Ragazzaccio”