in

“IO, LEONARDO”: la firma di Leonardo Da Vinci è da oggi un marchio registrato.

Accordo tra la Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano e la IBC di Lugano per portare i disegni e la firma autentica di Leonardo Da Vinci in tutto il mondo.

Leonardo da Vinci (1452-1519), Codice Atlantico (Codex Atlanticus), foglio 1054 recto. Congegni meccanici; formule burocratiche ed esercizi grammaticali con firma di Leonardo.

Una partnership importante quella annunciata tra la Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano e la IBC di Lugano. L’accordo è stato fortemente voluto dalle due realtà per divulgare la firma autentica di Leonardo Da Vinci rinvenuta alla pagina 1054 del Codice Atlantico e il grande patrimonio della Pinacoteca.
 
“I disegni di Leonardo sono delle vere e proprie opere d’arte e la sua firma stessa è un’opera d’arte, un disegno, una linea fluida, moderna ed elegante, un segno di autentico design. Sarà un elemento prezioso per le aziende che sapranno leggere e interpretare questa espressione di Leonardo per caratterizzare e rendere uniche le loro collezioni. E’ incredibile anche la modernità del design che si evince in una firma del 1478″ dice Elisabetta Treggiari, CEO di IBC Lugano.
 
“IO, LEONARDO” non si presenta solo come una semplice “firma”, ma piuttosto come un’affermazione, scritta di suo pugno, della propria identità e della propria individualità”  Mons. Francesco Braschi, Viceprefetto e Dottore della Biblioteca Ambrosiana.
 
Leonardo è il primo designer italiano in assoluto, da sempre in anticipo sui tempi.
Non solo ha inventato nuove cose, ma ha anche ideato concetti e progetti che l’umanità ha impiegato secoli per implementare e sviluppare, un visionario che ha unito arte e scienza alla perfezione, il primo designer moderno di tutti i tempi, il vero antesignano dei designer italiani.
 
Autorizzare la concessione in licenza del segno IO LEONARDO significa autorizzare la realizzazione di collezioni ispirate a Leonardo, al suo stile e genio e renderle preziose, uniche ed esclusive. IO LEONARDO è oggi un Marchio registrato e potrà essere usato solo con l’autorizzazione della Biblioteca Ambrosiana e solo per realizzare oggetti di indubbio prestigio e bellezza, che siano manifesto ed espressione della grandezza di Leonardo.
“Queste collezioni raggiungeranno direttamente le case e la vita di tutti i giorni delle persone che amano il design, la cultura, la bellezza, l’arte, ed è questo il nostro obiettivo”.
Le aziende licenziatarie avranno a disposizione non solo la cifra IO LEONARDO, ma anche l’ispirazione dei disegni originali di Leonardo: oggetti, invenzioni, macchine, disegni di progetti e poi i disegni dei 60 solidi matematici del De Divina Proportione e i famosi nodi vinciani, i giochi di linee che si intrecciano senza fine e che sono il simbolo oggi dell’amore eterno e dell’infinito.
 
IO LEONARDO, è l’espressione della grandezza di Leonardo e il Collegio dei Dottori che governa la Biblioteca Ambrosiana ha deciso di registrare il segno per poter tutelare queste nuove collezioni da contraffazioni e usi non autorizzati a scopi commerciali.
Per la prima volta un museo decide di registrare un’opera o una parte di un’opera in questo caso, per salvaguardare il suo patrimonio artistico, manifestando la volontà di diffonderlo ma anche di difenderlo da chi vorrebbe sfruttarlo in modo non consono all’importanza e al valore di quello che rappresenta.
 
Ancora una volta, come fin dal 1607, la Biblioteca Ambrosiana si dimostra all’avanguardia nel mondo nel divulgare e promuovere la cultura con tutti gli strumenti disponibili del suo tempo, in ogni epoca, e sempre nel rispetto dei più alti principi morali.

“IO, LEONARDO”: la firma di Leonardo Da Vinci  è da oggi un marchio registrato.
IO LEONARDO, la firma autentica di Leonardo da Vinci apposta sul foglio n.1054 del Codice Atlantico.

BIBLIOTECA AMBROSIANA
Arte, cultura e storia nel cuore di Milano. Biblioteca, Pinacoteca e Accademia, Ambrosiana è uno scrigno di tesori nel centro di Milano.
E’ stata fondata nel 1607 dal cardinale Federico Borromeo con la propria raccolta di libri e successivamente di dipinti e poi, via via arricchita con donazioni e acquisti.
Qui è custodito il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci, la più ampia raccolta di disegni e scritti di Leonardo e dipinti come ad esempio, il cartone della Scuola di Atene di Raffaello Sanzio, la Canestra di Caravaggio, il Musico di Leonardo, la Madonna del Padiglione di Botticelli.
 
IBC LUGANO
IBC International Brand Consulting, una società di Lugano specializzata in licensing e brand strategy guidata da Elisabetta Treggiari dal 2014.
IBC è specializzata in licensing e marketing e, nell’ambito dell’Art Licensing, è consulente anche del Getty Museum di Los Angeles, della New York Public Library, dell’Archivio Storico Bertelsmann Ricordi, nonché di artisti contemporanei pop art come Willow.
Altri ambiti nei quali IBC è specializzata sono quelli relativi ai Brand Fashion e Lifestyle.
 
LICENZE
Un accordo di licenza prevede che un’azienda possa utilizzare i disegni, le immagini e il marchio di chi ne detiene la proprietà per realizzare e rendere più speciali i propri prodotti. Per tale utilizzo verserà alla proprietà una percentuale sul suo fatturato detta Royalty che, in questo caso, verranno utilizzate per la conservazione e studi delle opere.

“IO, LEONARDO”: la firma di Leonardo Da Vinci  è da oggi un marchio registrato.
Elisabetta Treggiari, CEO di IBC Lugano
Valentino Odorico

Scritto da Valentino Odorico

Valentino Odorico, giornalista di moda scrive per numerose testate internazionali di settore. Produttore di servizi fotografici per fashion magazine è un volto noto anche del piccolo schermo. Da anni conduce programmi per la televisione Svizzera e recentemente ha anche curato una propria rubrica sulla moda ecosostenibile su Tv8, nel programma "Ogni Mattina" condotta da Adriana Volpe.
E' autore e conduttore del programma "Rosso Valentino" sul canale nazionale GO-TV sul 63 del digitale terrestre. Attualmente sono in fase di realizzazione anche nuovi format e progetti televisivi. E' anche fondatore ed amministratore delegato della NAZCA, società internazionale di comunicazione specializzata nel segmento lifestyle.

Rimini, da sta sera al teatro NohMa

“Prigioniero della seconda strada”a Pietrasanta il 4 maggio