in ,

Loredana Bertè è stata la regina di Sanremo

Loredana Bertè è stata la regina di Sanremo

Loredana Bertè è stata la regina di Sanremo.

Non ha vinto, ma ha conquistato il Premio della Critica Mia Martini… e il cuore del pubblico. Sin dalle prime note, Pazza si è impossessata delle nostre orecchie, del nostro cuore, della nostra anima. Loredana ha vinto. E ne è sicura anche la psicologa Elisa Caponetti, che da sempre si batte contro la violenza sulle donne e di genere.

Ecco le sue parole:

E come accade tutti gli anni Sanremo riscuote consensi e contestazioni.
E’ normale sia così. Tanto si è detto e tanto ancora si dirà.
Tra i molti cantanti che hanno preso parte alla kermesse musicale,
merita sicuramente grande attenzione Loredana Bertè, artista
poliedrica dalla personalità complessa che riesce sempre ad
incarnare e a racchiudere in sé una molteplicità di aspetti.
All’apparenza dura e tosta ma al contempo fragile e capace di
regalarci grandi emozioni. Si è sempre messa a nudo donando al
pubblico il proprio mondo interiore: dolori, fragilità, insicurezze.
Ha sempre avuto la forza di mostrare la sua unicità sapendosi
discostare da una visione di sé artefatta e ha mostrato di saper
riscuotere consensi non conformandosi a stereotipi di massa. Sempre
autentica, diretta e sincera, non si è mai sottratta anche agli
attacchi ricevuti. Loredana Bertè sa esternare i suoi sentimenti e
le sue emozioni più profonde, dimostrando di essere sopravvissuta ai
dolori e alle ferite ricevute dalla vita. Spesso giudicata e
contestata, oltre che acclamata. Il suo testo “Pazza” dovrebbe
essere un monito per ognuno di noi: “Non
ho bisogno di chi mi perdona io, faccio da sola, da sola E
sono pazza di me Sì perché mi sono odiata abbastanza”.

La capacità di sapersi perdonare e riappacificare è un auspicio per
tutti. Sapere credere in se stessi, riconoscere il proprio valore,
uscire dai giudizi degli altri, la forza di accettare anche i propri
errori accogliendoci per come realmente siamo e riconciliandoci con
il passato. Spesso i peggior giudici di noi stessi siamo proprio noi!
Il bisogno di accettazione ci espone a dipendere maggiormente dal
giudizio degli altri, modellando la nostra personalità più per
rispondere alle aspettative e alle pressioni sociali che non a noi
stessi, divenendo così più fragili e maggiormente dipendenti dagli
altri andando a strutturare oltre che un falso sé anche false
relazioni cadendo vittime di agiti manipolativi e rapporti tossici.
Tutto ciò ci espone maggiormente anche a subire possibili agiti
violenti.

 
In un mondo che ci spinge all’omologazione e al valore superficiale
delle cose e delle persone e che facilmente ci espone agli attacchi
esterni, recuperiamo la forza di riconoscere il nostro valore senza
dare agli altri il potere di abbatterci. 

Grazie
Loredana!

Sonia Russo

Scritto da Sonia Russo

Sonia Russo, giornalista freelance dal 2006, si è formata lavorando in una emittente televisiva locale per poi specializzarsi sui più noti magazine nazionali. Attualmente scrive di costume e società, moda e beauty, gossip e cronaca rosa e cronache da royal watcher per riviste come Mio, Eva3000, Il Gossip e Eva Salute.

Alessandro Scalisi: La tv mi piace, ma non sgomito

Storia, aristocrazia, moda e cultura