in

The Brave Boys Club, nasce a Milano il nuovo spazio per gli uomini

Il primo spazio riservato agli uomini così coraggiosi da mettersi finalmente in dubbio, in crisi e in gioco. Un progetto di impatto sociale concreto, pensato e realizzato da Leadagious, che risponde alla necessità sempre più urgente di un cambiamento culturale nella relazione tra uomini e donne.

The Brave Boys Club

Nasce a Milano The Brave Boys Club, il primo spazio riservato agli uomini così coraggiosi da mettersi finalmente in dubbio, in crisi e in gioco. Un progetto di impatto sociale concreto, pensato e realizzato da Leadagious, che risponde alla necessità sempre più urgente di un cambiamento culturale nella relazione tra uomini e donne.

The Brave Boys Club contro la mascolinità tossica

Da tempo si leggono grandi annunci e proclami sulla necessità di lavorare sul tema della mascolinità tossica e della cultura patriarcale. Quello che mancava è un progetto concreto, che passasse dalle parole ai fatti, dalla dichiarazione d’intenti alla loro attuazione. Ci hanno pensato i founder di Leadagious. “Nei nostri programmi di startupper la priorità era concentrarci sul core-business di Leadagious, la prima leadership farm aperta a tutti”, dice Lorenza Pellegri, co-founder e CEO di Leadagious,

Ma in cosa consiste?

È una palestra in cui i maschi possono allenarsi a riconoscere e superare gli stereotipi, gli schemi culturali. Ma anche le convinzioni limitanti e i privilegi radicati nella nostra società. Perché è innegabile che gli uomini godano, per il solo fatto di essere uomini, di vantaggi negati alle donne. Invece di negarli o minimizzarli, gli uomini del Brave Boys Club li fanno emergere, li discutono e li affrontano insieme. Discutono su  punti di vista che li aiutino a migliorare il rapporto con le donne della loro vita, dalle mogli alle colleghe, dalle amiche alle figlie.

Gli incontri settimanali durano due ore e sono facilitati da Fabio Paracchini, co-founder di Leadagious e Leadership & Transitions Coach con diverse certificazioni internazionali. Ogni incontro parte da un aneddoto personale, da un ricordo o da una notizia per poi lasciare spazio a un confronto strutturato secondo le regole del group coaching. Una sorta di “Maschilisti Anonimi”, insomma.

Ecco perché l’ingresso al Brave Boys Club è categoricamente vietato alle donne.

Non certo per continuare a escluderle e a discriminarle, casomai per fare loro un regalo “per interposta persona”.

Lo scopo

Offrire agli uomini tutta la libertà di uno spazio sicuro, in cui potersi esprimere spontaneamente, senza censure e senza timori di apparire retrogradi o anche solo inopportuni. Spazio in cui confrontarsi e se necessario anche scontrarsi, purché in modo aperto e rispettoso. Ma chi è il Brave Boy nella vita di tutti i giorni? È colui che ha il coraggio di uscire allo scoperto, di rompere l’omertà del branco, di prendere la parola.

Anche quando è scomodo farlo perché a volte tra uomini si può creare una sorta di  patto di solidarietà tacito, nascosto e solidissimo. Al Brave Boy non basta più dire #notallmen: è consapevole che non fare (cioè non fare del male, non fare battute sessiste, non fare discriminazioni in prima persona) non è più sufficiente.

Per il Brave Boy è più utile che gli uomini passino al “fare”: far notare ad altri uomini quando sono inappropriati, per esempio. Ma anche fare riflettere gli altri uomini sull’impatto che una parola o un gesto possono avere su una donna che magari è l’unica donna in ascensore o nella sala riunioni. Oppure che magari è da sola per strada di notte o nel garage sotterraneo mal illuminato, che magari è a disagio a portare avanti la propria opinione perché viene continuamente interrotta o sminuita.

Il Brave Boy è il maschio che si mette in dubbio, in crisi e in gioco per dare il proprio contributo al cambiamento della relazione esistente tra uomini e donne.

Un cambiamento che sarà possibile solo quando gli uomini non lasceranno più che siano solo le donne a occuparsene in quanto “problema loro”.

Le dichiarazioni sull’iniziativa

“Ecco perché il Brave Boys Club non poteva che essere un’idea di Leadagious”, dichiara Fabio Paracchini. Leadagious è la leadership farm che alleva e allena le persone ad assumersi la responsabilità dell’energia che sprigionano e diffondano con i propri pensieri, emozioni e azioni. Un maschio che si chiede se quello che pensa, prova e fa è appropriato, che non lascia correre, che prende posizione anche quando è scomodo farlo. E’ un maschio che si assume la responsabilità dell’energia che porta con sé e che vuole vedere negli altri maschi.”

Al progetto hanno creduto da subito alcuni compagni di viaggio, dal main partner WPP al creative partner the6th allo sponsor Warner Bros. Discovery.

“Siamo felici di collaborare con The Brave Boys Club con un progetto che genera riflessioni e azioni significative sul ruolo degli uomini nel promuovere la parità di genere” afferma Simona Maggini, Italy Country Manager di WPP. In WPP ci impegniamo a valorizzare le donne attraverso numerose iniziative che sosteniamo e organizziamo internamente ed esternamente. Inoltre eliminiamo stereotipi dannosi in tutto quello che realizziamo per i nostri clienti. Questa collaborazione rappresenta un ulteriore passo avanti nella costruzione di un ambiente più equo, inclusivo e rispettoso per tutti. Favoriamo  la partecipazione maschile in queste discussioni cruciali”.

“Siamo felici di sostenere questo importante progetto che si sposa perfettamente con la filosofia di Warner Bros. Discovery” aggiunge Elena Santambrogio, Vice President People & Culture Warner Bros. Discovery Italy & Iberia. La nostra è un’azienda da sempre attiva su tanti temi sociali e crediamo che ogni forma di discriminazione rappresenti un ostacolo per la crescita e lo sviluppo.

Una cultura sempre più inclusiva

Vogliamo contribuire alla creazione di una cultura sempre più inclusiva. Per questo abbiamo avviato un percorso sia sostenendo direttamente le nostre persone con policy ad hoc – contro la violenza domestica e i maltrattamenti per citare l’ultima in ordine di tempo. Sia lavorando su coloro che influiscono effettivamente sul gender equity, in questo caso i ‘maschi’, sostenendo l’iniziativa di The Brave Boys Club”.

The Brave Boys Club si riunisce tutti i giovedì sera, dalle 20.30 alle 22.30, nella sede di Leadagious a Milano in via Rivoli 4, proprio davanti al Teatro Strehler. La partecipazione è gratuita e riservata a chiunque si identifichi come maschio. I posti sono limitati, quindi la prenotazione è obbligatoria

Se sei un maschio coraggioso e vuoi partecipare a una riunione del Club, puoi prenotare il tuo posto direttamente sul sito thebraveboysclub.com.

Michele Vanossi

Scritto da Michele Vanossi

Oltre a lavorare e a collaborare per un noto quotidiano nazionale (il Giornale), cerca di comunicare, di parlare e di scrivere degli argomenti lo incuriosiscono e che lo appassionano maggiormente: televisione, cucina, turismo, benessere, medicina, lifestyle. In televisione partecipa in veste di opinionista a e trasmissioni televisive di successo su Raiuno come Storie Italiane, Vita in diretta e Detto Fatto su Raidue ; da giovane ha partecipato a quiz televisivi e ha recitato piccole parti in soap-opera e spot pubblicitari. Ha pubblicato un libro sulla storia della televisione italiana con Gribaudo/Feltrinelli dal tiolo. “Le Signorine Buonasera il racconto di un mito tutto italiano dagli anni Cinquanta ad oggi”.

Quiz sulla sicurezza, domani in tutte le scuole d’Italia

Ivan Szydlik, il nuovo libro che lo riguarda