in

Olivia Newton-John: addio all’amata Sandy di Grease

L’attrice, che da tempo combatteva duramente contro il cancro al seno, si è spenta all’età di 73 anni

Olivia Newton-John

Olivia Newton-John non c’è più. Questa è la notizia che nella tarda serata di ieri ha lasciato incredulo il mondo e l’intero panorama dello show business internazionale. L’attrice, che si è fatta conoscere al grande pubblico grazie alla sua partecipazione al film cult Grease – Brillantina, ruolo che le ha spalancato definitivamente le porte di Hollywood, è morta dopo una lunga battaglia contro il cancro al seno all’età di 73 anni. 

Olivia Newton-John: addio all'amata Sandy di Grease
Fonte: Web

Olivia Newton-John, vita e calvario di una stella senza tempo

Nata a Cambridge nel 1948, dopo l’infanzia e l’adolescenza in Australia, Olivia Newton-John non esordì sin da subito come attrice. Nel 1966, infatti, si trasferì nel Regno Unito e lì intraprese un percorso musicale che la portò ad incidere il suo primo singolo “Till you say be mine”. Nel 1974, invece, si classificò al quarto posto all’Eurovision Song Contest con il brano “Long Live Love”. Ma la svolta arrivò con il cinema e più precisamente con Grease (1978), una pellicola che le diede una grande popolarità. 

Sebbene non abbia mai abbandonato il canto e si sia aggiudicata diversi riconoscimenti nel settore, si è importa (e rimarrà) nell’immaginario collettivo come la dolce Sandy, la biondina timida con il golfino color del cielo sulle spalle e il nastro nei capelli che si trasforma in una pantera sexy inguainata in un total black di pelle nera e capigliatura cotonata accanto a John Travolta. A dare il triste annuncio della sua scomparsa, stando a quanto si legge sull’Ansa, è stato il marito John Easterling su Instagram, il quale ha sottolineato che la moglie se ne è andata “serenamente, nel suo ranch nel sud della California, circondata da familiari e amici“.

L’annuncio della morte e le battaglie di Olivia

Olivia – ha scritto – è stata un simbolo di trionfi e speranza per oltre 30 anni condividendo il suo viaggio con il cancro al seno. La sua ispirazione curativa e la sua esperienza pionieristica con la fitoterapia continuano con il Fondo Olivia Newton-John Foundation, dedicato alla ricerca sulla fitoterapia e sul cancro. Al posto dei fiori, la famiglia chiede che qualsiasi donazione sia fatta in sua memoria alla @onjfoundation“.

In effetti, la donna combatteva dal 1992 contro il tumore al seno, che in un primo momento riuscì a vincere. Non a caso, divenne una fiera e battagliera sostenitrice dello screening del cancro al seno, tant’è che a Melbourne, in Australia, esiste un centro per la lotta al cancro porta il suo nome. Sfortunatamente, però, nel 2013 i medici la informarono che il cancro si era ripresentato, estendendosi anche alla spalla. E nel 2017, poi, le fu diagnosticato un tumore alla schiena, alla base della colonna vertebrale. Ciò nonostante, in quello stesso anno girò gli USA con l’album “Live On”, inizialmente sospeso per i dolori dovuti alla malattia.

Amo cantare, è tutto ciò che so fare – disse una volta in un’intervista -. Tutto ciò che ho fatto da quando avevo 15 anni, quindi è la mia vita“.

Avatar

Scritto da Diego Lanuto

Diego Lanuto, classe 1996, studente laureando in "Lingue, Culture, Letterature e Traduzione" presso l'Università di Roma 'La Sapienza', amante della scrittura e non solo. Appassionato di danza, lettura, cinema, spettacolo e tanto altro!

Il Decreto Legge Aiuti bis

E’ il sosia di Johnny Depp