in

Chiara Susanna Crespi: “Donne di Altri pianeti e pesci volanti”.

Donne denudate e classificate in un vecchio manuale di medicina diventano opere d’arte.

Una delle opere in tecnica mista della mostra di Chiara Susanna Crespi che sarà possibile ammirare il 6 gennaio al Capitolium Art di Roma.

http://www.capitoliumart.it http://@chiara_susanna_crespi

Chiara Susanna Crespi: “Donne di Altri pianeti e pesci volanti”.

Chiara Susanna Crespi: “Donne di Altri pianeti e pesci volanti”.
Una delle opere in tecnica mista della mostra di Chiara Susanna Crespi che sarà possibile ammirare il 6 gennaio al Capitolium Art di Roma.https://vanityclass.it/la-cultura-e-di-casa/
 

Chiara Susanna Crespi: “Donne di Altri pianeti e pesci volanti”.

Donne denudate e classificate in un vecchio manuale di medicina diventano opere d’arte.

Si svolgerà venerdì 6 gennaio a Roma a partire dalle ore 18,00 la mostra d’arte contemporanea one shot dell’artista Chiara Susanna Crespi dal titolo: “Donne di Altri pianeti e pesci volanti”.

Il luogo dell’esposizione è la Casa d’Aste Capitolium Art (www.capitoliumart.it) ubicata in via delle Mantellate 14/b diretta da Vincenzo Maria Zuco.

E’ uno spazio vitale (in passato sede e studio del Maestro Mario Schifano) che connette tra loro artisti, addetti del settore e appassionati.

Ospita tutto ciò che ruota intorno al mondo dell’arte in tutte le sue forme.

L’esposizione di Chiara Susanna Crespi è composta da oltre quaranta tavole dove l’artista si è cimentata utilizzando una tecnica mista.

Chiara Susanna Crespi: “Donne di Altri pianeti e pesci volanti”.
Una delle opere in tecnica mista della mostra di Chiara Susanna Crespi che sarà possibile ammirare il 6 gennaio al Capitolium Art di Roma.

Donne denudate e classificate in un vecchio manuale di medicina diventano opere d’arte.

Collage con colori a olio, acquerello su legno, tela, materiali di riciclo e di recupero provenienti da cantieri dismessi, arrivati dal mare sulle spiagge o trovati vicino a cassonetti. 

Nei collage di Chiara Susanna Crespi vivono stratificazioni di tempi, vi è quindi un intreccio tra passato e presente.

Si evince la ricerca della bellezza, dell’armonia nella perfetta estetica e nella deformazione.

Chiara Susanna Crespi è da sempre attenta alle immagini:  ha documentato il mondo dell’attivismo con la sua macchina fotografica, costituendo un archivio di notevole rilievo storico e culturale.

Vicina e sensibile ai temi sociali e dei diritti è da sempre attratta dagli invisibili e dagli esclusi. 

La mostra one shot del 6 gennaio prende origine da un vecchio manuale di medicina e dalle pazienti fotografate e classificate all’interno.

Chiara Susanna Crespi: “Donne di Altri pianeti e pesci volanti”.
Donne denudate e classificate in un vecchio manuale di medicina diventano opere d’arte.

Tutto comincia dalla scoperta di un vecchio baule e da un manuale di medicina del 1958 – spiega Chiara Susanna Crespi.

Donne denudate e classificate in un vecchio manuale di medicina diventano opere d’arte.

Donne dai corpi e con personalità non conformi sono denudate e classificate come malate, grasse, rachitiche, mascoline, storpie, isteriche, pazze.

In foto piangono o guardano sfrontate in camera, hanno paura e freddo.  

L’artista ha raccolto queste donne lontane nel tempo e se n’è presa cura, le ha risarcite dalle ferite inferte da uno sguardo patriarcale e accusatorio.

Ha donando loro un mondo nuovo dove vivere libere, in comunione con l’acqua, i pesci e i colori più belli.

Chiara Susanna Crespi: “Donne di Altri pianeti e pesci volanti”.
Una delle opere in tecnica mista della mostra di Chiara Susanna Crespi che sarà possibile ammirare il 6 gennaio al Capitolium Art di Roma.

Donne denudate e classificate in un vecchio manuale di medicina diventano opere d’arte. 

Loro sono le mie donne. Io sono loro, loro sono me, nella lontananza di epoche diverse, siamo unite e ci guardiamo.

Bambine, ragazze, vecchie, tutte donne, sono tutti pezzi di me. Ci teniamo insieme mentre i pesci volano silenziosi, se potessero urlare in mare non ci si potrebbe fare il bagno per il frastuono.

Michele Vanossi

Scritto da Michele Vanossi

Oltre a lavorare e a collaborare per un noto quotidiano nazionale (il Giornale), cerca di comunicare, di parlare e di scrivere degli argomenti lo incuriosiscono e che lo appassionano maggiormente: televisione, cucina, turismo, benessere, medicina, lifestyle. In televisione partecipa in veste di opinionista a e trasmissioni televisive di successo su Raiuno come Storie Italiane, Vita in diretta e Detto Fatto su Raidue ; da giovane ha partecipato a quiz televisivi e ha recitato piccole parti in soap-opera e spot pubblicitari. Ha pubblicato un libro sulla storia della televisione italiana con Gribaudo/Feltrinelli dal tiolo. “Le Signorine Buonasera il racconto di un mito tutto italiano dagli anni Cinquanta ad oggi”.

RE49

RE49: LA NUOVA COLLEZIONE DI CALZATURE TOTALMENTE SOSTENIBILE

La Cetacea: ho realizzato il sogno dei miei grazie ad Onlyfans