in

Sanremo 2025: Alessandro Cucinotta punta su Stefano De Martino

Si è concluso da circa tre settimane il Festival di Sanremo e ancora le polemiche sulle votazioni e sul caso di Ghali e Dargen D’Amico tengono banco. A parlare di questo è lo showman siciliano, Alessandro Cucinotta, che candida Stefano De Martino come erede di Amadeus

Le polemiche su Sanremo non si spengono. A tenere banco sono ancora il metodo di votazione, il caso Geolier, e quello di Ghali e Dargen D’Amico. Stavolta a scendere in campo con li idee ben chiare è il conduttore, showman siciliano Alessandro Cucinotta. Che dice la sua non risparmiando critiche, ma lancia anche una previsione sul possibile erede di Amadeus.
 
Si è da poco concluso il Festival della Canzone Italiana. Le è piaciuto Sanremo?
Ho apprezzato tantissimo questo Sanremo: dagli allestimenti scenografici pazzeschi, al glass di Fiorello, dalla scelta musicale della sigla alla scelta dei co-conduttori.

Che idea si è fatto sull’ascolto stellare che Amadeus ha portato a casa? 
Amadeus è riuscito a coniugare ciò che è stato con ciò che è, e che sarà. Sfruttando l’onda del Fantasanremo, la partecipazione di giovani talenti come Geolier, e riportare coloro i quali si erano allontanati con i big di un tempo.

E della enorme polemica su Geolier prima e su Ghali dopo?
Non esiste Festival senza polemica. A prescindere credo che su Geolier ci sia stato tutto questo rumore semplicemente perché era il favorito sin dall’inizio e anche se non sono perfettamente in linea musicalmente con il suo genere, è anche vero che in questo momento stia sfruttando grande attenzione partita da “Gomorra”, passando per Mare Fuori e arrivando fino a lui. Per quanto concerne Ghali, beh c’è poco da dire: siamo stufi di guerre nel 2024 dove vengono coinvolti innocenti e soprattutto bambini. Io dico stop al genocidio e dico stop alle guerre.

Non le sembrano un po’ forzate queste critiche? Come a voler trovare a tutti i vostri il pelo nell’uovo?
Le critiche servono ad attirare l’attenzione, se tutto ciò è servito ad accendere i riflettori sul fatto che gli artisti sono anche esseri umani dotati di cuore allora ben vengano le critiche. Possiamo tuttavia essere o meno in linea con il pensiero, ma se fossimo tutti più critici saremmo sicuramente più curiosi e potremmo scoprire quanto accade nel giardino del vicino (forse non è sempre verde come potrebbe sembrare)

C’è poi un altro aspetto che in questi giorni tiene banco sui media. Secondo lei chi potrebbe raccogliere l’eredità di Amadeus?
Un nome ce l’avrei, seppur ancora giovane ma già con esperienza, un che tutto poteva pensare fuorché diventare conduttore: Stefano De Martino

Ecco, Stefano De Martino. Non sarebbe un azzardo? Vista la sua poca esperienza con una trasmissione simile?
Potrebbe essere un azzardo dato dalla giovane età, ma personalmente fiuto quel talento nel calcare quel palco ed avere il modo giusto e quel tocco giovanile per poter iniziare questo passaggio del testimone.

Sanremo 2025: Alessandro Cucinotta punta su Stefano De Martino

Chi vedrebbe al suo fianco. Maria De Filippi, Antonella Clerici o Mara Venier?
Senza dubbio serve una presenza femminile d’esperienza, e tra le 3 vedrei molto bene Antonella Clerici: professionale, cordiale, gentile, che da fiducia sia sul palco che a chi guarda lo spettacolo. Per Maria De Filippi e Mara Venier sarebbe un po troppo stretto come vestito, non sarebbero le conduttrici che conosciamo. 

E se chiedessero a lei di ritagliarsi il ruolo perfetto, chi sarebbe Alessandro Cucinotta sul palco dell’Ariston?
Alessandro Cucinotta sul palco dell’Ariston sicuramente non potrebbe essere il conduttore principale, tuttavia mi vedrei molto nel ruolo di co-conduttore per una serata al fianco di Stefano magari!

 

 

Leggi anche: https://vanityclass.it/alessandro-cucinotta-portero-in-giro-gabbani-a-capodanno/

Leggi anche: https://www.luxuryagencynews.com/index.php/world/29-europe/637-sanremo-alessandro-cucinotta-amadeus-per-il-2023-ci-siamo-anche-noi-sosia

Redazione

Scritto da Redazione

La redazione di VanityClass.

Modernità e sostenibilità a Milano

Credito al consumo: segnali confortanti e buone aspettative per il medio/lungo termine