in

Stalking, Barbara d’Urso in tribunale confessa: “Ho paura”

La conduttrice di Cologno Monzese ha confessato in tribunale di aver paura e di aver assunto un bodyguard

Lo stalking, è risaputo, consiste in una serie di atteggiamenti persecutori ai danni di un’altra persona. Sono molte le vittime di un’attitudine così sconsiderata e tra queste figura niente meno che Barbara D’Urso. Nei giorni scorsi, la conduttrice di Cologno Monzese si è recata in tribunale a Roma per raccontare il dramma che l’affligge. Da circa quattro anni, infatti, viene perseguitata da un uomo che dice di essere suo figlio adottivo e che è arrivato addirittura a minacciarla. 

Stalking, Barbara d'Urso in tribunale confessa: "Ho paura"
Fonte: Web

Stalking alla d’Urso: minacce e denunce

Ho paura, ho dovuto assumere un bodyguard”. Esordisce così la d’Urso in aula in merito al fenomeno di stalking che l’ha colpita. Da diverso tempo un uomo, dopo aver fatto un paio di comparsate in tv in un suo programma, ha iniziato prima a raccontare di essere il suo figlio adottivo, poi a seguirla ovunque (persino sotto casa), a mandarle frasi d’amore e infine lettere minatorie di morte. L’ultima: “Ti taglio la testa”.

Non nego di aver paura – rivela la la padrona di casa di Pomeriggio 5Nemmeno dopo la denuncia e l’avvio del processo si è calmato. Anzi, il mio persecutore ha alzato livello e intensità delle minacce. Sono stata costretta ad assumere un bodyguard. Anche di recente è stato visto sotto casa mia. Ha ripreso a bersagliare sui social amici e parenti, e a presidiare gli studi televisivi presentandosi come mio figlio, adottivo, come specifica ogni volta”. Dunque, pare che a finire nel mirino di costui non sia stata solamente Barbara, ma anche amici e parenti. In particolare, la sorella e uno dei figli della presentatrice sarebbero stati contatti. 

Le sue persecuzioni – continua – sono allargate alla mia famiglia, ai miei amici […], alzando sempre più l’ asticella delle minacce. Chiama i miei familiari, tartassa gli studi televisivi, si presenta come mio figlio adottivo per sperare in un ingresso”. Insomma, un vero e proprio incubo. Ad ogni modo, però, l’imputato in questione sarebbe stato identificato. Si tratta di Salvatore Fiorello, un’aspirante showman siciliano noto sui social media con il nickname Baci Solari. “Mi ha cominciato ad assillare dal dicembre del 2017 – spiega la presentatrice – a qualche anno dalla sua comparsata in tv in veste di concorrente. Ha cominciato ad avvicinarmi ripetendomi questa assurdità: ‘Sono tuo figlio adottivo, non respingermi’. Io non ho un ricordo preciso di quest’uomo, dai miei studi sono passate migliaia di persone”.

Al termine dell’udienza, il giudice Valerio de Gioia ha disposto per Fiorello una perizia psichiatrica. Come andrà a finire? Al momento non è dato sapere nulla. La cosa certa è che la d’Urso non si sente ancora al sicuro.

E voi, cosa ne pensate?

Avatar

Scritto da Diego Lanuto

Diego Lanuto, classe 1996, studente laureando in "Lingue, Culture, Letterature e Traduzione" presso l'Università di Roma 'La Sapienza', amante della scrittura e non solo. Appassionato di danza, lettura, cinema, spettacolo e tanto altro!

TEGing Puglia al Think Tank “Territori e Italianità”

Cristina Bugatty: Trans non vuol dire prostituta!